"L'ultimo lupo" (2014)

    "L'ultimo lupo" (2014)

    Di Jean-Jacques Annaud

    "L'ultimo lupo" (2014)

    Condividi

    Tratto da uno dei libri più letti nella storia della letteratura cinese, l'autobiografia di Jiang Rong intitolata Il Totem del Lupo, secondo per numero di copie vendute solo al Libretto Rosso di Mao, il film L'Ultimo lupo esce nelle sale cinematografiche nel 2015 per la regia di Jean-Jaques Annaud. La storia si svolge in Cina nel 1967, in piena Rivoluzione Culturale. Protagonisti umani due studenti di Pechino che vengono inviati in Mongolia dal governo per insegnare a leggere e a scrivere ai pastori. Uno di loro, Chen, rimane affascinato dal rapporto che i pastori mongoli sono capaci di stabilire con i lupi che, però, avanzando il processo di urbanizzazione, sono rimasti senza cibo e per procurarselo hanno cominciato ad attaccare e saccheggiare i villaggi. L'intervento dello Stato è radicale: chiunque si imbatta in un lupo ha l'obbligo di eliminarlo. 
    Un giorno Chen trova un cucciolo, lo nasconde per salvarlo dalla carneficina e lo alleva finché non diventa un giovane adulto. 
    Jean-Jaques Annaud, a differenza di molti registi che si sono cimentati con storie che hanno i lupi come protagonisti, per le riprese ha utilizzato veri lupi della Mongolia e non cani-lupo come di prassi (Zanna Bianca, Balla coi lupi). La tessa scelta realistica Annaud l'aveva fatta quando aveva filmato la regia di altri film con animali selvaggi: erano orsi veri quelli della pellicola L'Orso (1988) e tigri vere quelle del film Due fratelli (2004).
    L’Ultimo Lupo ha incassato oltre quasi 123 milioni di dollari in tutto il mondo, ma la maggior parte dei quali è stato guadagnato in Cina, dove il film ha fruttato quasi 111 milioni di dollari.
    Photogallery

    Totem Wolf