I lungometraggi in concorso

    I lungometraggi in concorso

    Trieste Film Festival 2021

    I lungometraggi in concorso

    Condividi

    La 32esima edizione del Trieste Film Festival, diretto da Fabrizio Grosoli e Nicoletta Romeo e online su MYmovies dal 21 al 30 gennaio 2021, dà il via alla campagna accrediti e inizia a “svelare” alcuni dei titoli in cartellone.

    Tra i lungometraggi in concorso, le storie di due paternità messe a dura prova da un contesto che rende difficile (ma non impossibile) assolvere al proprio ruolo di padre: se il protagonista di Father di Srdan Golubović (Premio del pubblico nella sezione Panorama dell'ultima Berlinale) si scontra con la corruzione dei servizi sociali nella Serbia di oggi, quello di Andromeda Galaxy di More Raça è disposto a tutto pur di lasciare il Kosovo per garantire alla figlia un futuro migliore in Germania.

    Tra Kosovo e Germania si muove anche Exil di Visar Morina, visto al Sundance, che attraverso la storia di un ingegnere farmaceutico discriminato per ragioni etniche si interroga, come spiega il regista,  su un Occidente arrogante nei confronti di chi proviene da Paesi economicamente deboli. 

    Dall’Europa di oggi a quella dell'immediato dopoguerra con In the Dusk di Šarūnas Bartas, selezionato al Festival di Cannes e presentato in prima mondiale a San Sebastian: il romanzo di formazione di un diciannovenne sullo sfondo della Resistenza lituana contro l’occupazione sovietica dopo la fine della Seconda guerra mondiale.

    E ancora, due dei film più sorprendenti della scorsa stagione: il polacco Sweat di Magnus von Horn, anche questo selezionato a Cannes, tre giorni nella vita di una “fitness-influencer” che da star di instagram diventa vittima di uno stalker, e il georgiano Beginning di Dea Kulumbegashvili, selezionato a Cannes e vincitore a San Sebastian, storia di una donna, Yana, moglie del leader di una comunità di Testimoni di Geova attaccata da un gruppo estremista.