Carlo Levi oltre Eboli

Lo scrittore Carlo Levi e il pittore Carlo Levi

Condividi

Carlo Levi, pittore, scrittore e attivista politico, ebbe un enorme successo dopo la pubblicazione del suo celebre libro Cristo si è fermato a Eboli (1945). Ma se il Levi scrittore è conosciuto in tutto il mondo, la sua ricerca pittorica non ha ancora raggiunto un riconoscimento a livello internazionale. Levi inizia il suo percorso artistico poco più che ventenne, prima frequentando lo studio di Felice Casorati, poi prendendo parte al Gruppo dei Sei, in netta antitesi con l’accademismo di Novecento. Elabora con il tempo un vibrante linguaggio espressionista nei suoi paesaggi, nei numerosi ritratti e nelle nature morte. 

Il rapporto con il maestro Casorati, a quanto sappiamo dalle sue memorie, è piuttosto casuale. Si trovò una volta in visita allo studio del maestro e rimase in qualche modo folgorato. La sua pittura dei prima anni Venti, direi fino al  27-28, è una pittura che risente molto dall’impostazione dello spazio di Casorati. Uno spazio fermo, raggelato, dove i protagonisti sembrano un po’ sottratti alle contingenza, al mondo reale, e sembrano vivere in una sorte di bolla astratta e privata.
Daniela Fonti, Presidente della Fondazione Carlo Levi 

L’esperienza nella realtà mediterranea – vissuta da confinato in Lucania - lo induce a raccontare il mondo contadino del Sud Italia anche nei suoi quadri. Un esempio straordinario della questione meridionale è il grande Telero (18,50 x 3,20  metri) che Levi crea in occasione delle celebrazioni del centenario dell’Unità d’Italia. Omaggio alle genti della Basilicata, il quadro rappresentò la Lucania alla mostra delle regioni organizzata a Torino nel 1961. RAI Cultura ha intervistato Daniela Fonti, presidente della Fondazione Carlo Levi a Roma,  che ricostruisce il percorso artistico del grande scrittore e pittore piemontese.
Si ringrazia la Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici della Basilicata e la Fondazione Carlo Levi di Roma per le immagini delle opere di Carlo Levi