Torna a speciale Concerti d'Autunno

L'Orchestra Rai e Milano Musica insieme per una prima assoluta di Francesco Filidei e una prima italiana di Donatoni

Diretta streaming - 12 novembre ore 20.30

Condividi

C’è la prima esecuzione assoluta del nuovo Concerto per pianoforte e orchestra di Francesco Filidei, intitolato Tre quadri, al centro del concerto proposto dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai insieme al Festival Milano Musica, in programma giovedì 12 novembre alle 20.30 all’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino, trasmesso in diretta su Radio3 e in live streaming sul portale di Rai Cultura. La serata, senza la presenza del pubblico in sala come da DPCM del 3 novembre, sarà anche trasmessa su Rai5 domenica 22 novembre alle 21.15.

«La prima esecuzione assoluta di un nuovo brano musicale è come una nascita. La sua storia sarà scritta successivamente» – dice Cecilia Balestra, direttrice di Milano Musica – «In questi tempi straordinari, il nuovo concerto per pianoforte e orchestra di Francesco Filidei vivrà una doppia nascita: il 12 novembre, grazie a Rai Cultura e alla forte collaborazione con l’OSN Rai, nella diretta radiofonica e streaming, e nella successiva trasmissione su Rai 5. Sarà poi proposto a Milano, in tempi che speriamo prossimi, nell’esecuzione per il pubblico del Festival. Siamo molto grati a tutti gli artisti».

Siamo particolarmente felici di questa collaborazione con Milano Musica – dice il Sovrintendente dell’OSN Rai Pasquale D’Alessandro – Quello contemporaneo è da sempre un repertorio d’elezione per l’orchestra dell’ente radio-televisivo. Lavorare con un festival prestigioso, da anni attivo in questo ambito, è un ulteriore modo per svolgere la nostra funzione di servizio pubblico.

Il nuovo lavoro è stato commissionato al compositore pisano Francesco Filidei, da anni residente a Parigi, dal Festival Milano Musica, dalla Casa da Musica di Porto e dal Festival Internazionale di Musica Contemporanea “Autunno di Varsavia”. Filidei è tra i compositori italiani viventi più apprezzati nel mondo, con esecuzioni a Berlino, Monaco, Vienna, Tokyo, New York, Los Angeles, nei festival di musica contemporanea più prestigiosi, e con premi come il Salzburg Music Forderpreistrager, il Prix Takefu, il Forderpreistrager Siemens, la Medaglia Unesco Picasso/Mirò del Rostrum of Composers e il Premio Abbiati. Recentemente l’Opéra Comique di Parigi gli ha commissionato l’opera L’inondation, andata in scena nel settembre 2019.
Tre Quadri è il terzo concerto per strumento solista ed orchestra che scrivo – dice il compositore –  il primo che vede il pianoforte come protagonista. Mentre gli altri due lavori comportano un solo movimento, probabilmente la grande tradizione propria al concerto per pianoforte mi ha portato a concepire questo lavoro in tre parti di andamento contrastante. Il concerto inizia con il quadro più ampio: November, un viaggio fra episodi che alternano il pianissimo al fortissimo, il grave all’acuto, il cantabile all’ossessivo. Si prosegue con una Berceuse centrale, dal carattere più intimo e chopiniano (che pur nasconde una struttura algoritmica ferrea). E si termina con Quasi una Bagatella, uno scherzo costruito sul primo movimento del concerto Imperatore dell’immancabile Beethoven di questo 2020 incerto e difficile.
Il concerto è interpretato da Maurizio Baglini, pianista dalla brillante carriera sia come solista, sia come camerista, che ha suonato per istituzioni come l’Accademia di Santa Cecilia, la Scala di Milano, il Kennedy Center di Washington e la Salle Gaveau di Parigi. È ospite dei più prestigiosi festival pianistici del mondo, da quello di La Raoque-d’Anthéron a quello di Yokohama, passando per l’Australian Chamber Music Festival.
La serata, raccolta sotto l’ormai consueta etichetta di Rai NuovaMusica, vede protagonista sul podio Tito Ceccherini, apprezzato interprete del repertorio moderno e contemporaneo, che collabora con orchestre come la Philharmonique de Radio France, la BBC Symphony, la Philharmonia di Londra e la Tokyo Philharmonic. Le sue incisioni hanno ottenuto numerosi premi, tra cui lo Choc du Monde de la Musique, il Diapason d’or e il Midem Classical Award.

Dopo il concerto di Filidei è in programma In cauda III di Franco Donatoni, proposta in prima esecuzione italiana. Terzo capitolo di una serie di composizioni orchestrali legate al proverbio latino In cauda venenum (Il veleno è nella coda), il lavoro è stato composto nel 1996 per il 400esimo anniversario della città di Valladolid, in Spagna, ed è proposto per ricordare il ventennale della morte di Donatoni, scomparso il 17 agosto del 2000.

In chiusura Le chant du rossignol, il poema sinfonico che Igor Stravinskij trasse nel 1917 su richiesta di Diaghilev dalla sua prima opera, Le rossignol (L’usignolo), ispirata alla fiaba di Hans Christian Andersen che racconta la storia di un imperatore cinese amante del canto di un usignolo, poi sostituito da un uccello meccanico.

Ph. Credits: Resia

Auditorium Rai "Arturo Toscanini", Torino
Giovedì 12 novembre 2020, ore 20,30

Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai

Tito Ceccherini direttore
Maurizio Baglini pianoforte

Francesco Filidei (1973)
Tre quadri. Concerto per pianoforte e orchestra (2020)

November
Berceuse
Quasi una bagatella


(Co-commissione Milano Musica, Casa da Música di Porto, Warsaw Autumn)
Prima esecuzione assoluta 
Durata:  37’


Franco Donatoni (1927-2000)
In cauda III per orchestra

Prima esecuzione in Italia
Durata:10’


Igor Stravinskij (1882-1971)
Le chant du rossignol

Introduzione: Festa nel palazzo dell'imperatore della Cina – Presto
Canto dell'usignolo: I due usignoli
L'usignolo meccanico: Malattia e guarigione dell'imperatore della Cina


Durata: 20’
Partecipano al Concerto

Violini primi
*Alessandro Milani (di spalla)
°Giuseppe Lercara
°Marco Lamberti
Constantin Beschieru
Lorenzo Brufatto
Aldo Cicchini
Roberto D’Auria
Valerio Iaccio
Martina Mazzon
Fulvia Petruzzelli
Francesco Punturo
Matteo Ruffo

Violini secondi
*Paolo Giolo
Valentina Busso
Roberta Caternuolo
Alice Costamagna
Alessandro Di Giacomo
Arianna Luzzani
Giulia Marzani
Alice Milan
Isabella Tarchetti
Carola Zosi

Viole
*Ula Ulijona
Margherita Sarchini
Nicola Calzolari
Federico Maria Fabbris
Riccardo Freguglia
Alberto Giolo
Davide Ortalli
Clara Trullén-Sáez

Violoncelli
*Massimo Macrì
Marco Dell’Acqua
Pietro Di Somma
Michelangiolo Mafucci
Fabio Storino

Contrabbassi
*Gabriele Carpani
Silvio Albesiano
Pamela Massa
Vincenzo Antonio Venneri

Flauti
*Alberto Barletta
Paolo Fratini (anche flauto in sol)
Fiorella Andriani

Ottavini
Fiorella Andriani
Paolo Fratini

Oboi
*Nicola Patrussi
Franco Tangari
Teresa Vicentini

Corno inglese
Franco Tangari

Clarinetti
*Graziano Mancini
Salvatore Passalacqua
Simone Cremona

Clarinetto piccolo
Simone Cremona

Clarinetto basso
Salvatore Passalacqua

Fagotti
*Andrea Corsi
Cristian Crevena
Bruno Giudice

Controfagotto
Bruno Giudice

Corni
*Giovanni Emanuele Urso
Marco Panella
Emilio Mencoboni
Marco Tosello

Trombe
*Marco Braito
Alessandro Caruana
Ercole Ceretta

Tromboni
*Diego Di Mario
Antonello Mazzucco

Trombone basso
Gianfranco Marchesi

Tuba
Matteo Magli

Timpani
*Biagio Zoli

Percussioni
Carmelo Giuliano Gullotto
Alberto Occhiena
Emiliano Rossi
Matteo Flori
Andrea Montori

Arpa
*Margherita Bassani
Antonella De Franco

Fisarmonica
*Davide Vendramin

Pianoforte
*Luca Ieracitano

Celesta
Fulvio Raduano


*prime parti
°concertini


Alessandro Milani suona un violino Francesco Gobetti del 1711 messo a disposizione dalla Fondazione Pro Canale di Milano.

Il concerto è trasmesso in diretta su Radio3 per Il Cartellone di Radio3 Suite e in diretta streaming su questa pagina di Rai Cultura, sarà inoltre proposto su Rai 5 il 22/11/2020.
 
Photogallery

L'Orchestra Rai e Milano Musica insieme per una prima assoluta di Francesco Filidei e una prima italiana di Donatoni

Le foto del primo concerto della rassegna Rai NuovaMusica dell'Orchestra Rai. Sul podio il Maestro Tito Ceccherini. Al pianoforte Maurizio Baglini.
Il concerto è stato ripreso da Rai Cultura il 12 novembre 2020.

Credits: PiùLuce per Orchestra Rai