Fabrizio Plessi a Caracalla. Il segreto del tempo

    18 giu 2019 > 29 set 2019

    Condividi

    Fabrizio Plessi rende omaggio alla storia di Roma con una nuova opera, disposta lungo oltre duecento metri dei sotterranei delle Terme di Caracalla, finora sconosciuti ai visitatori e aperti dopo un complesso lavoro di consolidamento e restauro. Si tratta del settore sotto l’esedra del calidarium, cuore pulsante dell’impianto ed esempio unico dell’alto livello tecnologico raggiunto dagli antichi romani, ora finalmente visibile nel nuovo percorso.

    I forni, le caldaie, i magazzini, una grande arteria sotterranea, fanno da contrappunto all’intervento dell’artista veneziano che propone una lettura visionaria dello spazio posto nelle viscere dell’imponente complesso delle Terme,  in un progetto site-specific composto da dodici videoinstallazioni e integrato dalle musiche composte da Michael Nynam:

    Sotto questo luogo così villico, così sereno, così meditativo, così assoluto, c’era un inferno, un inferno dantesco. Immagino questi carri con delle foreste intere che ogni giorno bruciavano… è come un’analisi,  andare dentro alla profondità di un significato, di un luogo e ho voluto fare dodici stazioni, dodici portali in cui ci fosse questo senso del passato e questo senso del presente che si unissero,  una simbiosi tra post-futuro e passato e ho cercato senza illustrare, senza narrare, di dare, invece, emozioni.
    Fabrizio Plessi

    L’opera esprime tutta la sintassi profonda della poetica di Plessi, antinarrativa, evocativa, ed emblematicamente rappresentata dall’enorme libro virtuale che apre il percorso: catalogo in forma di immagini in movimento della storia dell’artista. Nelle videoinstallazioni gli elementi primordiali, acqua e fuoco, vento e lampi, si fondono con la tecnologia in un universo fluido. L’immagine sintetica, il suo supporto tecnologico, sono trattati come i materiali nobili che vi sono rappresentati:

     L’antico è sempre presente nell’opera di Plessi, che usa il video come fosse una materia prima e lo mette a fianco del bronzo, del carbone, del legno, dell’acciaio… creando sempre e comunque un rapporto con l’archeologia, la storia, i materiali, l’architettura.
    Alberto Fiz

    Plessi a Caracalla. Il segreto del Tempo, Roma Terme di Caracalla fino al 29 settembre 2019