Dostoevskij secondo Rubini - Lo Cascio

    11 feb 2019 > 24 feb 2019

    Condividi

     Delitto / Castigo, con Luigi Lo Cascio e Sergio Rubini, è un viaggio tra i capitoli del romanzo di Fëdor Dostoevskij. Sergio Rubini, che ha firmato anche l’adattamento teatrale (con Carla Cavalluzzi) e  la regia, ci introduce a questo suo nuovo progetto di “teatro non teatro”, in cui la rivisitazione del capolavoro della letteratura russa si rivela culturalmente e psicologicamente molto attuale anche a distanza di 130 anni. 

    Delitto/Castigo, adattamento teatrale dell’opera più letta e tra le più amate di Dostoevskij, è qui trasposta in una partitura a due voci, quelle di due attori del calibro di Sergio Rubini e Luigi Lo Cascio, capaci di trascinare lo spettatore direttamente al fulcro del febbrile conflitto interiore del protagonista.

    Un giovane poverissimo e strozzato dai debiti uccide una vecchia e meschina usuraia. Il delitto inconsciamente innesca un conflitto, crea una scissione, uno sdoppiamento. Da una parte c’è il rifiuto del rimorso: il protagonista vuole dimostrare a se stesso di appartenere alla categoria dei grandi uomini dalle idee rivoluzionarie, autorizzati a vivere e agire al di sopra della legge comune perché se pur moralmente condannabili, agiscono per il bene collettivo. Dall’altra, lentamente, affiora in lui la consapevolezza di non riuscire a sfuggire ai sensi di colpa, al terrore di essere scoperto, alla paura e alla necessità di un castigo.

    Sono partito dall' idea di mettere in scena con noi un rumorista che riproduce in qualche modo tutti i rumori del libro per cercare attraverso questa messinscena  di trasformare la fruizione di questo libro in una pratica meno intellettuale e più sensoriale.
    Sergio Rubini