Lezioni di mafia

Mafia e Religione



Da sempre la mafia si è appropriata di simboli e ritualità legate alla religione. Boss devoti e prelati conniventi o collusi sono spesso andati a braccetto. Una complicità connaturata nelle tradizioni siciliane, che ha portato vantaggi reciproci, fin quando l’anatema di Giovanni Paolo II, nel 1993, ha tracciato un solco tra Chiesa e Cosa Nostra.

In questa quinta puntata di Lezioni di Mafia, l'ex procuratore Nazionale Antimafia, Pietro Grasso ci parla di questo rapporto contraddittorio, tra una fede votata all’amore del prossimo e un'organizzazione che fonda il suo cerimoniale nell'azione sanguinaria. Eppure la mafia presta una particolare attenzione e partecipazione a quelle pratiche della religione cattolica. I suoi sono rituali e simboli che costituiscono un linguaggio singolare come gli inchini durante le processioni davanti alle abitazioni dei boss.