Formidabili quegli anni

    Quando Nureyev e la Fracci ballavano insieme

    Condividi

    Stagione 1967 - 1968 al Teatro Comunale di Firenze si esibisce una giovane compagnia, quella dell' Opera di Montecarlo e il cartello "esaurito" campeggia alla biglietteria. Insieme a Juan Giuliano ed Anna Aragno tra i ballerini troviamo due giovani diventati col tempo delle vere e proprie icone della danza mondiale: Carla Fracci e Rudolf Nurejev. 

    La celebre rivista americana "Time" ha appena pubblicato un articolo che sta facendo molto rumore in cui si sostiene che esalta la danza moderna è teatro "probabilmente il tipo di teatro più libero, aperto e completo che esista ed è l' unico genere di spettacolo in grado di rappresentare adeguatamente i problemi e le angoscie dell' uomo moderno" e dunque il vecchio balletto classico è morto e non interessa e non piace più al pubblico. 

    E' dunque un ' occasione troppo ghiotta per lasciarsela sfuggire ed infatti questo prezioso filmato d' epoca chiede a Nurejev, prima che vada in scena con Giselle di commentare la polemica nata dalla pubblicazione del pezzo di "Time". 

    Il balletto e la danza moderna sono due generi ambedue meravigliosi e paralleli che semplicemente coesistono e potranno continuare a svilupparsi influenzandosi a vicenda. La danza moderna segue una nuova concezione del teatro, aggredisce contemporaneamente i sensi e l'intelligenza e si pone come teatro totale. Il balletto invece è antico,  è nato in Italia molti secoli fa e si è arricchito attraverso anni e anni di ingegno e di fatica secondo leggi ferree, ma non è vero che sia solo un pezzo di antiquariato, una curiosità di un mondo scomparso, il balletto romantico è l'idealizzazione di sentimenti eterni, d' accordo, allontana il pubblico dalla realtà ma forse per ritrovare un' intensità spirituale che nessun' altro genere può dare. Secondo me finché esisteranno certi sentimenti, finché esisterà l' esigenza  di una visione poetica dell' amore il balletto classico vivrà".
    Rudolf Nurejev


    Da non perdere la parte finale del video dove due "stelle" del calibro della Fracci e di Nurejev ballano insieme.