Piero Fornasetti

A 30 anni dalla morte è ancora qua

Condividi

Palazzo Altemps, la sede del Museo Nazionale Romano, dedicata alla storia del collezionismo, ha celebrato vent’anni di apertura al pubblico con una mostra su uno dei più noti designer e artisti italiani del novecento, Piero Fornasetti, che con il suo infrenabile creatività lasciò il suo segno su più di 12.000 oggetti. 


L’esposizione, Citazioni Pratiche. Fornasetti a Palazzo Altemps,  ha dimostrato la capacità della dirigenza di vivacizzare lo spazio museale sperimentando un dialogo tra arte antica e contemporanea.

Oltre ottocento oggetti di  Fornasetti si confrontano con la collezione di sculture e gli spazi di Palazzo Altemps  e di sala in sala troviamo il suo design ovunque. Tazze, mobili, portaombrelli, tappetti, cucini, vetri, paraventi, vestiti, biciclette, persiane… l’elenco di oggetti sui quali è intervenuto Fornasetti è infinito.

I temi del  classico,  delle  rovine  e  delle  antichità  rimandano  a  uno  scambio  a  tratti  spiazzante  e  irriverente,  colto  e  sapiente,  tra la  collezione  permanente  di  arte antica  del  Museo  e  le  creazioni  nate  dall’immaginazione  sfrenata  e  dall’invenzione  surrealista  di  Fornasetti. L’intervento espositivo e  gli  allestimenti  sono  ideati  da Barnaba  Fornasetti,  Direttore  artistico  dell’Atelier  Fornasetti,  e  da Valeria  Manzi  consulente  per  i  progetti culturali,  a  partire  da  un  confronto  serrato  tra  antico,  moderno  e  contemporaneo.

Non c’erano molte cose Fornasetti, non c’erano mobili Fornasetti nella sua abitazione, c’erano mobili antichi, oggetti di vario genere, le sue piccole collezioni, ma pochissime cose create da lui.
Barnaba  Fornasetti, Direttore artistico dell’Atelier

Il servizio è stato realizzato da RAI Cultura  in occasione della mostra Citazioni Pratiche. Fornasetti a Palazzo Altemps a Roma nel 2018.