I peperoni di Guttuso

La ricerca della verosimiglianza

Condividi

Renato Guttuso è un uomo pratico e non ama le elucubrazioni della critica. I peperoni che maneggia, lucida e dispone sul tavolo per dipingere una natura morta li ha presi in trattoria la sera precedente. Servono poche parole per spiegare il suo stile, i suoi quadri, i colori. Il realismo nasce dalla ricerca della verosimiglianza. 

Ormai, sono un pittore di una certa età, di una certa esperienza e, allora, il rapporto tra ciò che vedo e ciò che riproduco mi viene abbastanza facile. Il passaggio dell’occhio dall’oggetto alla tela non è una cosa molto complicata.
Renato Guttuso

Non bisogna avvicinarsi alla tela con pregiudizi o idee preconcette e cercare simbolismi o significati reconditi: è l'opera che comanda e si spiega via via che il lavoro procede. L'unica lettura possibile è ciò che si vede.

L’esperienza serve a distinguere tra le idee e le pseudo idee, tra ciò che è fecondo e ciò che è inutile, che è solo esteriore. 
Renato Guttuso


Da Rai Teche: Come nasce un'opera d'arte, 1975