L'Arte contemporanea nel Qatar

Un'intervista con il direttore del Museo Arabo di Arte Moderna di Doha

Condividi

 Il giovane marocchino Abdellah Karroum è da qualche anno il direttore del Mathaf: Museo Arabo di Arte Moderna a Doha nel Qatar.

Il museo del Qatar esiste dal 2005, ma la collezione permanente comincia nel 1984. Tra il 1984 – 1994 il Sheikh Hassan, un principe che s’interessa all’arte avvia una collezione privata di arte moderna araba e le condivide con i cittadini con il pensiero di avviare un processo educativo, portando l’arte nella sua città.    
Abdellah Karroum 

A partire dal 1984 il principe Sheikh Hassan bin Mohamed bin Ali Al Thani viaggia dall’Africa del nord a l’Asia, dalla Turchia all’Iran appassionandosi sempre di più all'arte araba. Nel decennio che segue acquista una collezione importante di arte moderna e contemporanea, che desidera condividere con la popolazione del suo paese. Costituisce così un museo accessibile al pubblico, che ha sede in due edifici di sua proprietà. Solo nel 2010 diventa un’istituzione statale, il primo Museo Arabo di Arte Moderna nel giovane stato del Qatar, indipendente dal 1971.

Oggi la collezione conta più di 9000 opere e appartiene a Mathaf, in comproprietà con Qatar Foundation e Qatar Museums.

Sotto la direzione di Abdellah Karroum si organizzano importanti mostre e il museo funge anche come centro di ricerca, conservazione e formazione, con uno sguardo sempre rivolto al futuro e al dialogo.

Molti artisti si fanno domande riguardo ai tabù, le convinzioni politiche, i costumi e le credenze. Domande sugli aspetti che permettono a una società di riflettere su se stessa. Il museo è il luogo per eccellenza, come le università, per fare queste riflessioni. Nel museo ci sono spesso progetti che affrontano questioni di carattere, sociale, religioso o politico. Non esistono delimitazioni predefiniti.
Abdellah Karroum 

Abdellah Karroum ha incontrato RAI Cultura in occasione di Arte Fiera 2016 a Bologna, dove ha partecipato al programma Conversations a cura di Marcella Beccaria e Riccarda Mandrini sul tema “Come nascono le collezioni dei futuri musei e dei musei del futuro”.