Villa Medici

L'Accademia di Francia ai tempi di Muriel Mayette-Holtz

Condividi

Muriel Mayette-Holtz è la prima donna alla guida dell’Accademia di Francia, l'istituzione francese nata oltre 350 anni fa a Roma, conosciuta come Villa Medici.  

Prima di arrivare a Roma, Muriel è stata per circa trent'anni attrice e regista teatrale alla Comédie-Française e la prima donna a dirigere questa prestigiosa istituzione dal 2006 al 2014. Nominata direttrice di Villa Medici nel 2015, ha affrontato le non poche polemiche nate con la sua nomina ("non ha le competenze per occuparsi di arte"),  ma di fatto è riuscita a riportare Villa Medici nel cuore della vita culturale di Roma e non solo, con una programmazione sempre più aperta ad un pubblico ampio, ricca di ospiti internazionali e con occasioni settimanali di incontri, come la rassegna I giovedì della Villa a cura di Cristiano Leone, totalmente gratuita.

Il mio obiettivo era quello di aprire le porte alla città di Roma ma soprattutto restituire un ruolo centrale ai borsisti/artisti, ruolo attorno al quale organizzare le molteplici attività dell'Accademia. Quando sono arrivata, ho trovato i borsisti da una parte, il direttore che faceva la sua programmazione dall'altra e da un'altra parte ancora la gestione del patrimonio. I borsisti in realtà devono essere il punto di partenza di ogni tipo di attività.       
Muriel Mayette-Holtz

Ricordando le mostre organizzate in passato a Villa Medici, la nuova direttrice si è resa conto che pochissime volte opere di artiste donne sono state presentate nella Villa. Volendo rimediare a questo storico deficit, ha ideato il ciclo di mostre “Une” (Una) insieme a Chiara Parisi, dedicato alle grandi artiste contemporanee.

Grazie alla sua tenacia, ai suoi modi empatici, frizzanti ed espansivi e con l’attuazione dei nuovi progetti ha saputo conquistare il pubblico italiano, instaurando con esso un rapporto più aperto e coinvolgente rispetto al passato.

Attualmente sono 15 i borsisti in residenza a Villa Medici. Si tratta di ricercatori di ogni disciplina e nazionalità, dell' età massima 45 anni che vengono selezionati tramite concorso per trascorrere 12 mesi all'Accademia di Francia a Roma durante i quali dedicarsi totalmente alla propria  creatività, con il sostegno di un'ottima borsa di studio (ricevono infatti circa 3500 euro al mese oltre all’alloggio).

RAI Cultura ha incontrato Muriel Mayette-Holtz nel gennaio 2018, a circa due terzi del suo mandato in qualità di direttrice dell'Accademia di Francia, per conoscerla meglio e fare con lei un bilancio del suo operato. Il suo mandato si è concluso nel settembre del 2018