L'arte ai tempi del COVID-19: María Magdalena Campos-Pons
Torna a speciale L'arte ai tempi del COVID-19

    L'arte ai tempi del COVID-19: María Magdalena Campos-Pons

    Cubana in America

    L'arte ai tempi del COVID-19: María Magdalena Campos-Pons

    Condividi

    Mentre nella maggior parte del mondo i musei e gli spazi dell'arte sono chiusi  e dobbiamo limitare al minimo i nostri spostamenti fisici, gli spazi mentali sono liberi e infiniti. Usiamo quindi la rete per arrivare nei luoghi di lavoro e nelle menti di alcuni artisti contemporanei da Oriente a Occidente.
    Come vivono questo capitolo drammatico della nostra storia? 

    Rai Cultura ha chiesto agli artisti di offrire una testimonianza attraverso le immagini e le parole.

    María Magdalena Campos-Pons  è nata nel 1959 a La Vega, nella provincia di Matanzas a Cuba e cresciuta presso una piantagione di canna da zucchero in una famiglia con radici nigeriane, ispaniche e cinesi. I suoi antenati nigeriani furono deportati a Cuba come schiavi nel 19 ° secolo, dove tramandarono tradizioni, rituali e credenze del loro paese di provenienza. La sua eredità poliglotta influenza profondamente la pratica artistica di Campos-Pons, che combina diversi media tra cui fotografia, performance, pittura, scultura, film e video. 

    L'artista partecipa al progetto di RAI Cultura L'arte ai tempi del COVID-19 con l'opera Finding Balance, di cui un dettaglio nell'immagine di copertina.


    María Magdalena Campos-Pons, Finding Balance, 2015. Composizione di 28 foto. Ogni pannello 22 x 26 cm e ogni polaroid 20 x 24 cm.
     

    Rivendico spazio per le questioni delle donne, raccogliendo e raccontando storie di persone dimenticate, per favorire un dialogo, per comprendersi meglio e proporre una lettura poetica e compassionevole del nostro tempo.
    Il mio lavoro degli ultimi 35 anni affronta il post-colonialismo e le complessità che intrecciano le narrazioni, le connessioni e la reciproca dipendenza del Nord e del Sud del mondo e parla di una conoscenza e di tradizioni ancestrali per dare voce alle narrazioni più oscure con grazia ed eleganza estetica. Fragilità, effimero e una qualità transitoria di tempo e luogo sono componenti visibili nelle mie opere, che realizzo attraverso video, film, fotografia, installazione e performance. Sono spinta dal processo democratico di creazione artistica che provoca la partecipazione e l'immersione corporea dello spettatore.
    María Magdalena Campos-Pons   

    Il lavoro di Campos-Pons ha una forte componente autobiografica e di studio di tematiche che riguardano la storia, la memoria, il genere, la religione e come esse informano l'identità collettiva e individuale. Attraverso immagini profondamente poetiche e inquietanti, Campos-Pons evoca storie del commercio di schiavi e del loro lavoro nei campi, delle mescolanze e interazioni e fusioni fra elementi culturali eterogenei, di sincretismi religiosi e di rivolte rivoluzionarie. 
     

    María Magdalena Campos-Pons
     
    Alla fine degli anni '80, Campos-Pons insegnò al prestigioso Instituto Superior de Arte all'Avana e guadagnò una reputazione internazionale come esponente del movimento della Nuova Arte cubana che si sollevò in opposizione alla repressione comunista sull'isola. Nel 1991 è emigrata a Boston, dove ha fondato il suo studio e ha insegnato alla SMFA (School of the Museum of Fine Arts at Tufts University) fino al 2017, dove si è trasferita alla Cornelius Vanderbilt University di Nashville come professore di cattedra di Belle Arti.

    Campos-Pons ha tenuto mostre personali al Museum of Modern Art di New York, all'Indianapolis Museum of Art, al Peabody Essex Museum e alla National Gallery of Canada, tra le altre illustri istituzioni. Ha presentato oltre 30 mostre personali commissionate da istituzioni tra cui il Guggenheim Museum e la National Portrait Gallery dello Smithsonian a Washington. Ha partecipato alla Biennale di Venezia, alla Biennale di Dakar, alla Biennale di Johannesburg, alla Documenta 14 a Kassel, alla Triennale di Guangzhou.  

    Le opere di Campos-Pons sono presenti in oltre 30 collezioni museali tra cui la Smithsonian Institution, The Whitney Museum, l'Art Institute di Chicago, la National Gallery of Canada, il Victoria and Albert Museum di Londra, il Museum of Modern Art di New York, il Museum of Fine Arts di Boston, Perez Art Museum di Miami and Harvard Art Museums, Vanderbilt Fine Arts Gallery. Campos-Pons ha co-curato per la XIII Biennale dell'Avana il progetto Intermittent Rivers.