I muri della legalità

I muri della legalità

OSA Around, il Festival della Street Art

I muri della legalità

Condividi

Credo che il pensiero di una pioggia di banconote susciti una palpitazione a chiunque... Nel dipinto le mani sono protese verso il cielo, un gesto di eterna aspettativa che conduce solo all'infelicità e all'insoddisfazione. Dovremmo invece considerare l'immagine capovolta, come se le mani facessero cadere nel vuoto il denaro per distruggere l'importanza che gli abbiamo attribuito e smettere di avere il solo obbiettivo di ricercare una sicurezza economica per poter essere felici.
Riccardo Buonafede


Riscoprire i luoghi attraverso l’integrazione della street art nel complesso artistico di città e borghi del sud Italia. Con questo approccio finalizzato alla rigenerazione urbana nasceva nel 2017 a Diamante (Cs) il festival OSA – Operazione Street Art, un'iniziativa che ha proseguito il proprio cammino con nuove tappe e nel 2020, a Vietri di Potenza, ha dato vita ad altre imponenti opere d’urban art dal forte impatto visivo.

Due gli artisti protagonisti di OSA Around nel piccolo borgo lucano: Riccardo Buonafede, autore di Happiless, fantasia che ben visualizza il potere del denaro sulle persone e Antonino Perrotta, in arte Attorrep, che a Vietri lascia Freedom, un messaggio di speranza verso il futuro. Entrambe le opere fanno parte di una serie di interventi urbani voluti dall’amministrazione comunale vietrese e previsti tra luglio 2020 e maggio 2021 per il progetto I muri della legalità: un percorso che attraversa date importanti della storia, dalla strage di via D’Amelio a quella di Capaci, in cui persero la vita Borsellino e Falcone, affrontando il tema della legalità, con la volontà di sensibilizzare sui principi di liceità e trasparenza, coinvolgendo i cittadini nella vita culturale e sociale della comunità. 
 

Un colibrì vola libero e leggiadro così come, spero, possano spiccare liberamente il volo i sogni personali, i progetti di vita, l’indipendenza e l’individualità di ognuno di noi. È un po’ come quello che sta accadendo in questo piccolo borgo, dove i giovani hanno già vinto il loro futuro”
Antonino Perrotta
 

Antonino Perrotta è l'autore anche del murales di apertura di OSA Around, inaugurato proprio il 19 luglio 2020 per i ventotto anni della strage di via D'Amelio. L'immagine di una bambina mentre annaffia la sua terra, "simbolo del rispetto dell’ambiente, dell’appartenenza alla propria storia ed esempio di purezza e legalità" è un murale monumentale che si estende su centosettanta mq in diciasette metri di altezza, regalando una visione anamorfica della realtà: da un determinato punto di vista, stabilito prospetticamente," illude i fruitori/passanti sulla reale superficie del palazzo, confondendosi e integrandosi con il paesaggio circostante e con la skyline all’orizzonte".