La scuola non si ferma
Torna a speciale Scuola 2020

    La scuola non si ferma

    #iorestoacasa

    La scuola non si ferma

    Condividi

    Di seguito alcune iniziative nate in questi giorni per la scuola e disponibili sul web. Lo speciale di Rai Cultura è in continuo aggiornamento.

    #LaScuolaNonSiFerma, una rubrica quotidiana sui social del Ministero dell'Istruzione con il racconto delle esperienze messe in campo dalle scuole. Vetrina principale sarà la pagina Facebook. Sarà poi possibile interagire, attraverso l’hashtag #LaScuolaNonSiFerma, su Instagram, postando storie e foto che alimenteranno questo racconto, anche sul social più amato dai ragazzi. Al via, poi, un canale Telegram dove ci saranno, oltre ai racconti e alle esperienze, informazioni utili per la didattica a distanza.
    MINISTERO DELL'ISTRUZIONE

    In didattica a distanza, l’Istituto Salvatore Pugliatti in Sicilia promuove la sua città: Taormina. Un progetto di promozione turistica che ha coinvolto i futuri operatori del settore turistico ed enogastronomico in lezioni di approfondimento, accompagnate dal laboratorio di accoglienza turistica. Nella prima parte, gli studenti hanno analizzato il territorio e individuato i siti d’interesse, sia dal punto di vista artistico e architettonico che enogastronomico. Nella seconda parte, con il tutoraggio dell’insegnante, i ragazzi hanno formulato un messaggio promozionale per la propria città. Gli studenti guide turistiche a distanza

    Una tv ideata dagli studenti e dai loro prof. Durante le dirette social, docenti e studenti dell’ITET Einaudi di Bassano del Grappa ricreano virtualmente la loro comunità di cui sentono la mancanza, alternando momenti di riflessione legati al sociale ad altri più conviviali. Una vera redazione, in cui le idee fresche e innovative degli studenti incontrano la professionalità dei docenti impegnati ogni settimana a realizzare un palinsesto ricco e articolato che coinvolga studenti, genitori e tutto il personale della scuola. La TV degli studenti

    “Mia madre ha visto su Facebook un invito, rivolto a chiunque avesse una stampante 3D, a stampare valvole per le maschere da snorkeling per poterle utilizzare, poi, come respiratori negli ospedali. Grazie all’aiuto dell’insegnante di Robotica siamo riusciti a stampare i raccordi per le valvole, che poi abbiamo consegnato alla Protezione Civile. Sono molto contento di poter dare un piccolo aiuto in questo momento”. Roberto ha usato la sua stampante 3D, vinta partecipando alla challenge “Camp Moon” dell'ESA, l'Agenzia Spaziale Europea, per stampare le valvole per i respiratori in casa! Intanto segue le lezioni di didattica a distanza della Scuola Media Pascoli di Valenza e con l’aiuto del suo prof di tecnologia sta lavorando a un nuovo progetto, sempre per l’ESA. Le valvole di Roberto

    "Caro Sindaco, noi ragazzi di IV, VA e VB dellaScuola primaria di Sant’Anna d’Alfaedo (VR) e le nostre famiglie abbiamo deciso di comune accordo di donare i soldi dell’uscita didattica, annullata a causa delle restrizioni e della chiusura delle scuole, dovute all’epidemia di coronavirus, a questa amministrazione del nostro Comune, per far fronte alle necessità di questo momento". La donazione 

    “La bellezza, non è altro che una promessa di felicità” la professoressa Ileana Manco cita Stendhal mentre racconta il suo progetto di didattica a distanza. A Napoli i suoi studenti riproducono a casa i quadri più famosi della Storia dell’Arte. Un itinerario artistico diverso e creativo che sta immergendo ognuno dei ragazzi del Liceo Mazzini, indirizzo scienze umane e linguistico, in un percorso di studi quasi “personalizzato”. “Ognuno di loro si è riconosciuto in un’opera, chi per gusto, chi per passione, chi per semplicità, chi per voglia di assomigliare a un capolavoro; tutti hanno riassunto un ideale estetico accomunandosi alle pennellate dei grandi artisti. Il ritratto

    Usare Facebook per leggere le favole agli studenti. Le insegnanti della scuola d’infanzia del quartiere Villaggio Sportivo di Biella hanno ideato un modo divertente e creativo per prendersi cura dei bambini a distanza: leggere loro i racconti più belli. L’idea è nata a seguito di un confronto costante con le famiglie che hanno fatto notare come ai loro figli mancasse il momento della lettura. Facebook e le fiabe

    Il 6 aprile è la Giornata Mondiale dello Sport e infatti la storia di oggi è dedicata all'attività fisica. “Mens sana in corpore sano”: le studentesse e gli studenti dell'Istituto Superiore Mario Rigoni Stern di Asiago non hanno smesso di fare educazione fisica, grazie ai loro docenti di Scienze Motorie che, fin dai primi giorni di emergenza, si sono attivati per fare lezione online. Le lezioni di educazione fisica

    Questa storia è dedicata al progetto dell’Istituto Tecnico Industriale Giovanni Bosco Lucarelli, di Benevento, dove gli studenti stanno realizzando, grazie alla stampa 3D, le valvole per le maschere respiratorie destinate agli ospedali. La scuola ha messo a disposizione le stampanti del suo laboratorio per fronteggiare la mancanza di maschere destinate alla terapia sub-intensiva, riadattando quelle da snorkeling già in commercio. Gli studenti dell’indirizzo elettromedicale, durante una lezione in videoconferenza con il loro docente: “Anche noi stiamo cercando di dare il nostro piccolo contributo alla lotta al coronavirus”, racconta il professor Vittorio Barricella.
    Il sostegno della scuola agli ospedali

    BAHAY, distanti ma uniti è un cartone animato creato dall’Istituto Omnicomprensivo A. Giordano di Venafro, Isernia: un modo per ribadire ai più piccoli le regole anti contagio attraverso la storia di Gigi e Licia, i due piccoli protagonisti
    Il cartone BAHAY

    470 classi virtuali, tutte interamente dedicate agli studenti: “Il Cellini c’è”.Questo è lo slogan dell’Istituto Cellini di Valenza, in provincia di Alessandria, che fin dai primi giorni dell’emergenza si è attivato per inviare materiale didattico, implementare videoconferenze e stabilire un contatto diretto con gli studenti, cercando di ricevere un confronto immediato sull’efficacia del sistema
    Il lavoro a distanza dell'Istituto Cellini di Valenza 

    Un videogioco creato in sole due settimane per intrattenere ed educare un pubblico molto giovane! Si chiama ”Etciù" ed stato creato dai ragazzi del Liceo Corradino D’Ascanio di Montesilvano, Pescara. Un classico Memory, ma con una grafica colorata, intuitiva e divertente. Come funziona? Al completamento della prima parte del gioco ogni regola viene reinterpretata in una strofa e - rima dopo rima - si compone una filastrocca che riassume le raccomandazioni del Ministero della Salute.
    Il videogioco Etciù

    È così che il “Coro Che Non C’è” è riuscito a riunire le studentesse e gli studenti di diversi licei e università di Roma: una piccola rete corale, nata spontaneamente, con la passione per il canto. Si chiamano così perché non hanno una sede, un giorno fisso per le prove, un organico stabile o un repertorio.
    Ma sono bravissimi. In questa versione di Helplessly Hoping di Crosby, Still & Nash i nostri artisti ci fanno emozionare con la loro musica. Ascoltiamoli.
    Il Coro Che Non C'è

    Una radio che unisce, anche da casa. Questo è l’obiettivo dei ragazzi dell’Istituto D’Aosta, a L’Aquila, che hanno creato una community grazie alla radio della scuola: parlando di musica, letteratura e tecnologia
    La community radiofonica

    La storia di oggi è dedicata al progetto dell’Istituto Superiore Morano di Caivano (NA) dove gli studenti dell’alberghiero hanno creato dei videotutorial con ricette, consigli e idee da condividere con i loro compagni, per proseguire gli studi anche da casa.
    La ricetta

    La storia di oggi ce la racconta un video realizzato interamente con i telefonini, da casa, dagli studenti e dai professori del Liceo “Turrisi Colonna” di Catania dedicato a tutta la comunità scolastica.
    Il video di oggi 

    Lezione di coding con oltre 300 studenti da tutta Italia tenuta all’Istituto Comprensivo di Lozzo Atestino e Vo’ Euganeo, in provincia di Padova
    A lezione di coding
    La storia di oggi, 20 marzo, della serie #LaScuolaNonSiFerma, curata dal Miur, è dedicata alla videolezione di una classe del Liceo Tenca di Milano, con la correzione di una versione di Latino, di Plinio, grazie alla didattica a distanza.

    Gli studenti si sono scambiati consigli e idee per far sentire la propria vicinanza e inviare un messaggio di unità e forza nelle cittadine tra le prime ad essere dichiarate zone rosse
    Facebook MIUR

    Poesie, disegni e bigliettini speciali. È l’iniziativa dell’Istituto Comprensivo Statale Praia a Mare di Cosenza per celebrare il 19 marzo. Le maestre hanno realizzato un videotutorial per gli studenti e li hanno seguiti passo passo nella realizzazione dei doni per i loro papà: un vasetto con buoni propositi e desideri, una giornata passata al mare o un lungo abbraccio. Auguri a tutti i papà! 
    Una bella storia dedicata alla Festa del papà

    Il Centro Federica Web Learning della Federico II di Napoli ha attivato una task force per la produzione massiccia di lezioni universitarie da mettere a disposizione di docenti e studenti per garantire continuità didattica a tutti i dipartimenti dell'università ma anche agli altri atenei italiani che ne facciano richiesta. Il progetto si chiama 
    Federica Go!

    Telescuola online dal Museo Pelagalli di Bologna, un interessante e utile supporto didattico-informativo, completamente gratuito, offerto a insegnanti e studenti che, a causa delle scuole chiuse per pandemia, sono costretti a fare lezione sul proprio pc da casa. Su richiesta di alcuni Insegnanti, dopo le disdette delle visite scolastiche prenotate al Museo della Comunicazione Pelagalli, nasce questa iniziativa per permettere al corpo insegnante di utilizzare uno strumento didattico per approfondire con i ragazzi il tema della comunicazione moderna. Pelagalli ha dunque messo online un primo video didattico/informativo di una ventina di minuti  dedicato
    alla “regina della moderna comunicazione", la Radio di Guglielmo Marconi che proprio quest’anno compie 125 anni.
    Visita virtuale al Museo Pelagalli
     
    In questo momento di emergenza sanitaria causata dal Coronavirus, in cui è importante rimanere a casa, nasce una nuova attività didattica per promuovere la lettura e il patrimonio librario della Biblioteca Comunale “Michele Prisco” di Avigliano (Potenza). Ideatrice del progetto “Pensieri&Parole. Restiamo in casa in compagnia della cultura” la dottoressa  Clementina Leone che si avvale della collaborazione del sindaco di Mercato San Severino e della dirigente scolastica del Liceo Bonaventura Rescigno di Roccapiemonte. 
    Restiamo a casa in compagnia della cultura

    Piccoli maestri si mette a disposizione degli insegnanti, offrendo quello che faceva prima –  raccontare i libri – ma in streaming, da tutta Italia e verso tutta Italia concentrandosi sui testi che servono al programma scolastico. Romanzi, poesia, saggi. "Offrendo dunque un po’ del tempo e di quello che sappiamo, alla scuola, la nostra amatissima e affaticata scuola, di cui abbiamo sempre cercato di prenderci cura".
    Piccoli maestri