"Last Words" di Johnathan Nossiter

    I film di Cannes 2020

    Condividi

    Un gesto rivoluzionario. Due uomini che si guardano negli occhi, a lungo, e poi ridendo si stringono la mano. Sono le prime potenti immagini di Last Words, il film di Jonathan Nossiter che fa parte della Selezione Ufficiale di Cannes 2020 ed è ora al Cannes Virtual Market.  

    Un film utopico, post apocalittico, in cui ho cercato di guardare con lucidità le catastrofi ecologiche senza perdere coraggio, amore, tenerezza, e dove la ricerca di ogni personaggio, di ogni inquadratura, è la ricerca della bellezza e della gioia
    Johnathan Nossiter


    Gran Premio al Sundance per il film Sunday successivamente presentato a Un Certain Regard,  in Concorso a Cannes con Mondovino e a Berlino con Resistenza Naturale, Nossiter ha già avuto occasioni per farsi notare da critica e pubblico. La sua ultima fatica - di cui vediamo nella clip le primissime immagini - è stato girato in una location d'eccezione: il Parco Archeologico di Paestum e, in parte, nella Bologna sotterranea. Ispirato al romanzo di Santiago Amigorena Mes derniers mots, il film LAST WORDS è ambientato nel 2086, all’indomani delle grandi alluvioni che hanno inondato il pianeta e  il mondo che noi conosciamo non esiste più. Pochissimi uomini sono sopravvissuti. Un giovane intraprende un lungo viaggio alla ricerca di un’ultima comunità di uomini. Attraverso le strade abbandonate d’Europa che conducono ad Atene, Jo trasporta con sé un tesoro enigmatico: delle pellicole cinematografiche.

    Credo e spero che questo film  sia una risposta a quello che stiamo vivendo in questo tempo, e già prima del Covid. È una favola ecologica che ci propone un futuro totalmente inaspettato. Sentiamo tutti che il pianeta è lì, a mezzo millimetro dal crollo totale, e che può succedere dal un giorno all’altro. La maggior parte delle persone non vogliono riconoscerlo perché è un peso terribile. Con LAST WORDS ho voluto mettere lo spettatore davanti a un futuro possibile, per spingerlo a pensare a tutte le ragioni per lottare e non ritrovarsi a quel punto
    Johnathan Nossiter

    Interpretato da Nick Nolte, vincitore di un Golden Globe e pluricandidato all’Oscar, Charlotte Rampling, Orso d’Oro e Coppa Volpi, Stellan Skarsgaard, Golden Globe e Orso d’Argento, Alba Rohrwacher, Coppa Volpi e due volte David di Donatello e Nastro D’Argento, Silvia Calderoni, Premio Ubu. Nel cast anche un esordiente, per la prima volta sul grande schermo, Kalipha Touray che il regista ha scelto dopo un casting di circa 500 giovani attori da tutto il mondo .

    Quando ho incontrato Kalipha nel campo dei rifugiati di Palermo, ho capito che era lui il mio protagonista, perché il film aveva bisogno di un testimone, di qualcuno che avesse già visto la fine del mondo
    Johnathan Nossiter

    Il film è scritto e diretto da Jonathan Nossiter, adattato con Santiago Amigorena, dal suo romanzo “Mes Derniers Mots” - Edito da POL. Il montaggio è di Jonathan Nossiter, montatore associato Davide La Porta, musiche originali di Tom Smail prodotte e edite da Ala Bianca Group © & ℗ 2020, Ala Bianca Group srl. Costumi di Stefania Grilli, scenografia di Matteo Monteduro, Francesco Bolognini, Massimiliano Petrini, Cristina Bartoletti, Valerio Romano. Fotografia di Clarissa Cappellani, suono in presa diretta di Maximilien Gobiet.

    Realizzato con la gentile collaborazione del Parco Archeologico di Paestum e del direttore del parco, Gabriel Zuchtriegel e della Cineteca di Bologna e del direttore Gianluca Farinelli e con il contributo di  DG CINEMA E AUDIOVISIVO – MIBACT.