Aldo Masullo. L'etica della salvezza

Il tempo come apertura di nuove possibilità

Condividi

Il filosofo Aldo Masullo (Avellino, 12 aprile 1923 – Napoli, 24 aprile 2020), in un'intervista dell'Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche, spiega il suo concetto di etica della salvezza, distinguendo tra la nozione religiosa di salvezza, centrale nel Cristianesimo e nel Buddhismo, e quella di ispirazione filosofica, presente già nell'etica aristotelica, che assegna come fine all'azione guidata dalla ragione la conquista dell'immortalità, intesa non più in senso sostanziale, ma come stabilizzazione della coscienza e indipendenza dal tempo. Il tempo, in tutta la tradizione filosofica da Aristotele alla fenomenologia e all'esistenzialismo, è il senso vissuto di un cambiamento, che si presenta come perdita. Salvezza in rapporto al tempo significa viverlo non solo come rapina, soppressione di parti del sè, ma al tempo stesso come apertura di nuove possibilità.

La filosofia mi ha insegnato che nessuno di noi si salverà da solo.
Aldo Masullo