Simona Forti. Web e desiderio di autoritarismo

La paura e i confini

Condividi

Simona Forti - intervistata in occasione del Festival della Psicologia di Torino - mette in connessione il sentimento della paura con la creazione dei confini, che possono assumere significati sia costruttivi che distruttivi. Passa poi a parlare del web e della sua presunta deriva autoritaria, ma indaga anche i modi in cui il desiderio di autoritarismo stia progressivamente erodendo il ruolo dell'autorità.

Simona Forti è professoressa di Storia del pensiero politico contemporaneo presso l’Università del Piemonte Orientale, dove ha diretto il Centro di ricerca sulla Biopolitica BIOS.Nei suoi studi ha ricostruito la struttura filosofica di alcune delle maggiori questioni politiche del Novecento e dell’epoca presente. Dopo aver dedicato numerosi lavori al fenomeno del totalitarismo (anche tramite l’analisi del pensiero di Hannah Arendt), si è più di recente orientata a ricostruire le implicazioni della biopolitica e del biopotere. Tra i suoi libri: Vita della mente e tempo della polis. Hannah Arendt tra filosofia e politica (Milano 1994); Il totalitarismo (Roma-Bari 2001); La filosofia di fronte all’estremo. Totalitarismo e riflessione filosofica (a cura di, Torino 2003); Paranoia e politica(a cura di, con M. Revelli, Torino 2007); I nuovi demoni. Ripensare oggi male e potere (Milano 2012).