Giulio Giorello. Il web e l`insegnamento universitario

La possibilità del dialogo

Condividi

Com'è cambiato l'insegnamento, in particolare l'insegnamento universitario, con l'avvento del web e delle nuove risorse digitali? Ci risponde il filosofo Giulio Giorello, qui intervistato durante la rassegna BookCity edizione 2016.

Le nuove tecnologie permettono di ampliare il raggio dell'informazione e dovrebbero permetterci di imparare di più a dialogare, perché l'insegnamento è alla fine un dialogo 


Giulio Giorello è professore Ordinario di Filosofia della scienza all’Università degli Studi di Milano e collabora con il «Corriere della Sera». Tra i suoi numerosi saggi: Filosofia della scienza (Milano 1992); Giordano Bruno (con M. Ciliberto, Milano 2004); Prometeo, Ulisse, Gilgameš (Raffaello Cortina 2004); Di nessuna chiesa (Raffaello Cortina 2005); La scienza tra le nuvole. Da Pippo Newton a Mr Fantastic (Raffaello Cortina 2007); Libertà. Un manifesto per credenti e non credenti (con Dario Antiseri, Bompiani 2008); Lo scimmione intelligente (con Edoardo Boncinelli, Rizzoli 2009); Lussuria (il Mulino 2010); Senza Dio (Longanesi 2010); Ricerca e carità (con Carlo Maria Martini, Edizioni San Raffaele 2010); Il tradimento (Longanesi 2012); La matematica della natura (con V. Barone, Il Mulino, 2016), L’etica del ribelle. Intervista su scienza e rivoluzione (a cura di P. Donghi, Laterza, 2017); L'incanto e il disinganno: Leopardi (Guanda 2016, con Edoardo Boncinelli); Giardini del fantastico (Edizioni ETS 2017, con Pier Luigi Gaspa).


bookcitymilano.it/