Torna a speciale Kum festival 2018

Luca Bagetto. San Paolo

La figura e il pensiero di Paolo di Tarso

Condividi

Intervista a Luca Bagetto realizzata da Rai Filosofia durante la 2^ edizione del Kum! Festival, manifestazione diretta da Massimo Recalcati, tenutasi dal 18 al 21 ottobre 2018 presso la Mole Vanvitelliana di Ancona.

 

Luca Bagetto ci ha parlato del suo libro "San Paolo", dedicato a Paolo Di Tarso e pubblicato da Feltrinelli.

Dalla quarta di copertina:
Paolo di Tarso è stato un pensatore rivoluzionario ed è stato interpretato dalla filosofia politica del Novecento come il maestro del rifiuto della legge e dell’ordinamento presente, con tutte le sue ipocrisie. È stato cioè letto attraverso lo spirito gnostico di Marcione, che nel II secolo si richiamava a Paolo per contrapporre a un Dio del presente malvagio, creatore di questo mondo ingiusto e ostile, un Dio del futuro buono e redento.
Secondo Luca Bagetto, al contrario, Paolo si oppone fortemente allo gnosticismo. Nella sua visione il Messia, che pure interrompe la legge, in realtà la dispiega in modo più profondo e più autentico di quanto non faccia la garanzia dell’ordine. Nell’annuncio messianico della vita nuova è centrale il tema dell’Esodo, simbolo dell’uscita da una situazione oppressiva. Con una lettura capace di attualizzare il messaggio di Paolo, Bagetto dimostra che esiste un sorprendente parallelo tra l’epoca ellenistica e la globalizzazione, che condividono l’urgenza della ricerca di un riparo dalla legge astratta e vessatoria.
Con una nuova traduzione della Seconda lettera ai Tessalonicesi, essenziale per l’interpretazione dell’Anticristo e per la definizione del rapporto del cristianesimo con l’ebraismo, Bagetto rivela nelle parole di Paolo una nuova strada non moralista per concepire anche oggi il rapporto tra la fede e il potere politico.

 

Paolo mostra che il Messia interrompe la legge e apre la possibilità di qualcosa di nuovo. E lo fa in virtù della sua debolezza, del suo essere un Figlio abbandonato.

 

Luca Bagetto (Torino, 1963) insegna Filosofia Teoretica presso il Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali dell’Università di Pavia, ed è docente all’IRPA (Istituto di Ricerca di Psicoanalisi Applicata) di Milano. Tra le sue più recenti pubblicazioni, “Il teatro della crisi. La legge del mercato e la sua interruzione”, con Massimo Baldi, Mimesis, 2015; “Geofiscalità. Il dilemma di Giano tra cifra tellurica e continente digitale”, con Piergiorgio Valente, Eurilink University Press, 2017.