Roberto Mordacci. Filosofia e teologia

Linguaggi diversi per la stessa domanda di senso

Condividi

Roberto Mordacci, intervistato al Festival della Filosofia di Modena 2017 - Le forme del creare, parla della teologia e del suo rapporto con la filosofia nel nostro tempo. La pluralità delle forme ci dice che del bene si occuperanno sempre sia la filosofia, sia la religione, sia l’arte e questo è ciò che accomuna la ricerca umana. I linguaggi sono diversi ma la domanda di senso è la stessa per filosofi, teologi e artisti, anche se la modernità ha tentato di elaborare linguaggi della ricerca di senso distinti, separando rigidamente queste discipline.  

La condizione contemporanea o neomoderna supera l’opposizione e anzi richiede la cooperazione tra i diversi linguaggi.  


Roberto Mordacci è professore di Filosofia morale e Preside della Facoltà di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Lavora nel campo della bioetica, in particolare sulle questioni morali e giuridiche riguardanti le tecnologie di potenziamento umano e l’artificializzazione del vivente. Tra i suoi libri: Rispetto (Milano 2012); Bioetica. La libertà e il corpo nel mondo contemporaneo (Milano 2013); L’etica è per la persona (Milano 2015); Al cinema con il filosofo(Milano 2015).