Rocco Ronchi. Filosofia e comunicazione

La partecipazione alla verità

Condividi

Rocco Ronchi, intervistato ad Ancona in occasione della prima edizione del KUM! Festival - Curare, Educare, Governare, parla della filosofia della comunicazione, riflettendo sulla sua natura, non dal punto di vista tecnico o semiotico, ma analizzando la comunicazione in senso platonico, ovvero come partecipazione alla verità. È possibile la filosofia? È  questo, secondo Ronchi, l'interrogativo che deve porsi il filosofo.

Se la verità non fosse comunicabile la filosofia non sarebbe possibile, pertanto l'idea di comunicazione rappresenta la radice stessa della filosofia.


Rocco Ronchi insegna filosofia presso l’Università degli Studi di L’Aquila e presso l’IRPA (Istituto di Ricerca di Psicanalisi Applicata) di Milano. Tra le sue ultime pubblicazioni: Come fare. Per una resistenza filosofica (Feltrinelli, 2012); Brecht. Introduzione alla filosofia, (et. al., 2013; Zombie Outbreak. Filosofia e morti viventi (Textus, 2015). Ha recentemente curato il volume H. Bergson, W. James, Durata reale e flusso di coscienza. Lettere e altri scritti (1902-1939) (Cortina, 2014) e Gilles Deleuze. Credere nel reale (Feltrinelli, 2015).