Telmo Pievani. Il nostro DNA non è onnipotente

Ricerca scientifica e paura

Condividi

 

Le ricerche sul DNA umano generano nell'opinione pubblica un sentimento di paura e insieme aspettative eccessive e, infine, delusione. Ma la famosa molecola a doppia elica, depositaria dell'informazione genetica di ognuno di noi, in realtà non è un pezzo onnipotente dell'essere umano, né il nostro oracolo interno. Ce lo spiega Telmo Pievani in questa intervista realizzata al festival Dialoghi di Trani 2018 dedicato al tema della paura.

Oggi scopriamo che il DNA è un misto di tanti contributi diversi, che ogni individuo è un unicum assoluto dal punto di vista biologico e che, analizzando la storia, tutti i popoli europei sono frutto di mescolanze, per cui non si trova l’identità di nessuno, ma la fusione. 

Telmo Pievani, filosofo ed evoluzionista, ricopre la prima cattedra italiana di Filosofia delle Scienze Biologiche presso il Dipartimento di Biologia dell'Università di Padova. Tra i suoi libri Creazione senza Dio (2006), La vita inaspettata (2011) ed Evoluti e abbandonati (2014). Collabora con “Il Corriere della Sera”, “Le Scienze” e “Micromega”.