Vincenzo Milanesi. Croce e Gentile

La filosofia italiana del Novecento

Condividi

In questa intervista, realizzata in occasione del Congresso Internazionale in onore di Emanuele Severino: All'alba dell'eternità. I primi 60 anni de La struttura originaria (Brescia, 2 e 3 marzo 2018), Vincenzo Milanesi, professore di Storia della Filosofia Morale all’Università di Padova, parla della filosofia italiana del Novecento e dei suoi principali esponenti, Benedetto Croce (Pescasseroli, 1866 – Napoli, 1952) e Giovanni Gentile (Castelvetrano, 1875 – Firenze, 1944).

Croce e Gentile hanno dato vita ad una tradizione di riflessione filosofica che nasce dalla ripresa hegeliana, avviata da Spaventa nel XIX secolo, ed è una tradizione che Croce e Gentile ricevono innovandola radicalmente e prendendo strade diverse dal punto di vista filosofico oltre che politico. 

La filosofia come sapere storico è l'eredità più importante di Benedetto Croce, che ha influenzato la cultura umanistica italiana in tutti i suoi aspetti, dalla storia della letteratura alla critica d'arte.