Luciano Corradini. Scuola e Costituzione

Le Giornate della Lingua Italiana

Condividi

In questo intervento il professor Luciano Corradini, professore emerito di Pedagogia Generale all'università Roma Tre, parla dello stretto legame tra la Costituzione italiana e l'istituzione scolastica. La Costituzione, ricorda Corradini, è un testo redatto in comune accordo da uomini e donne incaricati dal popolo italiano di dare una nuova configurazione al fatto di far parte di una società e di uno Stato non più in una posizione di sudditanza ma con un ruolo tutto nuovo, quello di cittadini cui la Costituzione repubblicana riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, inteso sia come singolo individuo che inserito nelle diverse formazioni sociali. Allo stesso tempo, la Carta richiede l'adempimento di precisi doveri.

Questa prospettiva totalmente nuova, voluta dai padri costituenti, presuppone che la scuola sia considerata come l'istituzione in cui si rigenera il sangue della popolazione italiana. Calamandrei la chiamava l'Organo ematopoietico. Se il nuovo sangue non si produce, la Costituzione italiana diventa un pezzo di carta che non conta più niente