Julian Nida-Rümelin. Un'etica della migrazione

Pensare oltre i confini

Condividi

Julian Nida-Rümelin, intervistato al Festival della Filosofia di Modena 2018 Verità, parla del suo libro Pensare oltre i confini. Un’etica della migrazione pubblicato in Italia nel 2018. Un tema intorno al quale non esiste secondo Nida-Rümelin un vero discorso ma solo un gioco di lotta politica. 
È molto chiaro che un mercato del lavoro globale senza confini né controllo politico distrugge la sicurezza sociale. C’è una un’idea di democrazia, propria del cd. sovranismo, in base alla quale sono i cittadini a dover decidere in materia, ma nello stesso tempo è un fatto che noi abbiamo bisogno di immigrazione. Un mercato globale non controllato è incompatibile con la democrazia, ma la scienza demografica dice che l’immigrazione è necessaria per noi. 

La politica democratica non ha sviluppato un’etica della migrazione ed è questo l’obiettivo che si propone Nida-Rümelin con il suo libro: stabilire principi etici e normativi in grado di guidare una  politica umanitaria, ma anche realistica e democratica della migrazione. 
Nel mondo circa due miliardi di persone vivono con due dollari al giorno, abbiamo il dovere di aiutarli ma nello steso tempo non possiamo consentire un’immigrazione incontrollata. 



Julian Nida-Rümelin è professore di Filosofia e teoria politica presso la Ludwig-Maximilians-Universität di Monaco di Baviera e professore onorario all’Istituto di Filosofia della Humboldt-Universität di Berlino. È stato ministro della cultura nel primo governo Schröder ed è uno dei più noti intellettuali in Germania. Il suo pensiero spazia dall’etica teorica e applicata alle teorie della razionalità e della decisione, nonché alla filosofia politica.Nida-Rümelin si è dedicato agli ambiti dell’etica dell’agire tecnico, dell’etica ambientale e dell’etica medica, pubblicando a questo proposito il manuale Angewandte Ethik e il volume Ethische Essays. Sono stati pubblicati in lingua italiana: Democrazia e verità (Milano 2015); Per un’economia umana. La trappola dell’ottimizzazione (Milano 2017); Pensare oltre i confini. Un’etica della migrazione (Milano 2018).