Maura Gancitano. La rete: potenzialità e pericoli

Educare ad un uso consapevole

Condividi

Maura Gancitano parla delle grandi potenzialità della rete e dei fenomeni negativi, come la violenza e l’odio online, che sempre più frequentemente coinvolgono soprattutto i giovani utenti. La rete enfatizza tutte le nostre pulsioni inconsce, per cui sono necessarie leggi che regolino il suo corretto funzionamento ma soprattutto è necessario porsi delle domande per raggiungere un uso consapevole del mezzo e porsi il problema delle conseguenze dei propri comportamenti, perché la rete è un mezzo potente, che può moltiplicare le connessioni, ma è anche in grado di ferire. La soluzione non è quella di disconnetterci, di utilizzare il territorio virtuale per dialogare veramente per condividere cultura e informazione. 


Maura Gancitano (Mazara del Vallo, 1985) è scrittrice, filosofa e fondatrice del progetto Tlon. Si occupa di filosofia e immaginazione, ricerca interiore, educazione di genere, letteratura.
Ha pubblicato i saggi Igiene e cosmesi naturali (Il Leone Verde 2013), Malefica, trasformare la rabbia femminile (Tlon 2015), oltre che racconti su antologie (Voi siete qui, Minimum Fax 2007; Sizilien und Palermo, Wagenbach 2008; Libro sui libri, Lupo 2010, Nuovi Argomenti 42 e 77, Mondadori 2007 e 2017) e una raccolta di poesie (I lacci bianchi, Armando Siciliano 2007).
Insieme ad Andrea Colamedici ha tradotto libri di Stanislav Grof, Alejandro Jodorowsky e E. J. Gold e pubblicato Tu non sei Dio(Tlon 2016) e Lezioni di Meraviglia (Tlon 2017)