Torna a speciale Heidegger nel pensiero di Severino

Paolo Barbieri. La filosofia e la vita

Il legame di Emanuele Severino con la città di Brescia

Condividi

Paolo Barbieri, intervistato in occasione del congresso internazionale Heidegger nel pensiero di Severino. Metafisica, Religione, Politica, Economia, Arte, Tecnica, che si è tenuto dal 13 al 15 giugno a Brescia, parla del legame del grande filosofo con la sua città. 

La filosofia contemporanea, secondo Cacciari, sta tra Heidegger e Severino, ma mentre il primo è il filosofo delle grandi domande, il secondo è il filosofo delle grandi risposte. Barbieri, che, tra l’altro è autore del libro La morte a Brescia. 28 maggio 1974: storia di una strage fascista, racconta un espisodio, che risale alla strage di Piazza della Loggia. Emanuele Severino due giorni dopo la terribile strage scrisse un articolo fondamentale su Brescia Oggi: la cosa incredibile è che nella sentenza arrivata quarantun anni dopo la strage, ci sono scritte cose che Severino aveva scritto solo dopo due giorni. 
Questo, secondo Barbieri, ci deve far riflettere sul fatto che

la filosofia non è, come ci induce a credere il senso comune, pura astrazione, ma parla di cose concrete, della vita reale, arrivando prima degli altri alla comprensione delle cose.