Vincenzo Paglia. Bioetica globale

Intervista al Festival della Filosofia di Modena-Persona

Condividi

Vincenzo Paglia, intervistato nel settembre 2019 al Festival della Filosofia di Modena Persona, parla del tema della sua lezione Magistrale Bioetica globale e risponde ad alcune domande sull’unità del sapere e la divisione ancora esistente tra cultura umanistica e scientifica, sulla separazione tra uomo e natura, erroneamente ritenuta propria anche della tradizione cristiana, sul rapporto tra filosofia e teologia e sulle tematiche del suo libro, Il crollo del noi, pubblicato da Laterza nel 2017. 

La bioetica ci spinge ad una riflessione sul tema della vita in tutti i suoi aspetti. Oggi siamo chiamati ad affrontare la salvezza sia del pianeta, sia dell’uomo e la dimensione della bioetica globale richiede un’alleanza tra tutte le scienze, perché si tratta di affrontare in maniera olistica il futuro del pianeta e dell’umanità. 

È indispensabile recuperare una cultura dell’incontro, una cultura del rapporto, perché noi siamo fatti gli uni per gli altri sin dall’inizio, non è bene che l’uomo sia solo, ma questa grande verità noi oggi rischiamo di dimenticarla.  


Vincenzo Paglia , arcivescovo, è Presidente della Pontificia Accademia per la Vita. È stato Presidente della Commissione Ecumenismo e Dialogo della Conferenza Episcopale Italiana e tra i fondatori della Comunità di Sant’Egidio. Per il suo impegno di promozione della pace è stato insignito del Premio Gandhi dell’Unesco e del Premio Madre Teresa di Calcutta. In una vasta produzione teologica e saggistica, ha dedicato numerosi interventi a temi connessi con la presenza della religione nella sfera pubblica, dalla questione ambientale a quella della giustizia e della pace. In questa chiave si ricordano: Essere cattolici. Dialoghi con S. Gaeta (Milano 2005); Dialoghi post-secolari (con G. Amato, Venezia 2006); La via dell’amore (Roma 2008); In cerca dell’anima. Dialogo su un’Italia che ha smarrito se stessa (con F. Scaglia, Casale Monferrato-Segrate 2010); A un amico che non crede (Casale Monferrato-Segrate 2013); Storia della povertà (Milano 2014); La famiglia. Vocazione e missione nella Chiesa e nel mondo (Cinisello Balsamo 2015); Sorella morte. La dignità del vivere e del morire (Casale Monferrato-Segrate 2016); Il crollo del noi (Roma-Bari 2017); Vivere per sempre. L’esistenza, il tempo e l’Oltre (Casale Monferrato-Segrate 2018); La coscienza e la legge (con R. Cantone, Roma-Bari 2019).