Tonio Dell'Olio. Ricordo di Don Tonino Bello

Un linguaggio universale di pace

Condividi

Tonio Dell’Olio, intervistato in occasione della XVIII edizione dei Dialoghi di Trani, che si è tenuta dal 17 al 22 settembre 2019, ricorda la straordinaria figura di Don Tonino Bello
Tonino Bello ha interpretato il suo ruolo di vescovo non come un ruolo di potere ma di servizio, più che mai attuale oggi quando si parla della Chiesa del grembiule, ma la figura di Don Tonino è legata soprattutto alla sua grande passione per la pace che si paga a caro prezzo che significa non violenza.

Don Tonino Bello è un anticipatore di quella che Papa Francesco ha proposto come strada da seguire a tutti i cristiani con atti come l'enciclica Laudato si’ o il documento con il mondo islamico, mostrando una capacità di parlare un linguaggio universale. 


Tonio Dell’Olio, sacerdote della Diocesi di Trani-Barletta-Bisceglie, è responsabile del settore internazionale e membro dell'Ufficio di presidenza di Libera. Consigliere nazionale di Pax Christi, fa parte dei direttivi del Cipax e della Tavola della pace. Ha contribuito alla creazione di Medlink, rete di associazioni italiane impegnate sul fronte dei diritti nel bacino del Mediterraneo. Fa parte della redazione di Mosaico di pace e ha pubblicato diversi editoriali per Liberazione. Dirige la collana dell'Emi Zoom Italia.