Piero Dorfles. Il mito dell'Ulisse dantesco 

L'eroe della conoscenza  

Piero Dorfles, intervistato a Trani il 19 settembre 2021, parla della Lectio magistralis, Il mito di Ulisse da Dante a Primo Levi, che ha tenuto alla XX edizione dei Dialoghi di Trani.
La rivisitazione fatta da Dante Alighieri del mito di Ulisse, eroe di un viaggio verso la conoscenza che finisce in naufragio, è divenuta un mito che ha prodotto una serie di filiazioni nella letteratura moderna e contemporanea, si pensi al volo di Astolfo nell’Orlando furioso o al capolavoro di Joyce.

Dante è il filosofo della conoscenza, che non si appiattisce sulla Scolastica medievale, ma che va molto oltre e vede anche, molto prima di Freud, nei miti del mondo classico la base della nostra cultura. 

Questa ricerca dell’io, il bisogno di guardare dentro noi stessi è un passo in avanti straordinario che Dante fa, indipendentemente dal fatto che non avesse letto in prima persona l’Odissea, impossessandosi di un mito che sta segnando ancora oggi tutta la grande letteratura mondiale. 

Dorfles infine risponde alla domanda sulla contraddittorietà della collocazione nell’inferno dell’eroe della conoscenza, Ulisse, da parte di Dante, poeta e filosofo della conoscenza.

Piero Dorfles è un giornalista e critico letterario italiano. Giornalista dal 1975, è stato responsabile dei servizi culturali del Giornale Radio Rai, per cui ha curato diversi programmi radiofonici, tra cui Il baco del millennio. Noto al grande pubblico per essere stato il co-conduttore della trasmissione televisiva in onda su Rai Tre Per un pugno di libri, ha pubblicato libri dedicati al mondo della comunicazione televisiva e radiofonica, tra cui si ricordano: Carosello (1998) e Il Ritorno del Dinosauro, una difesa della cultura (2010). Del 2021 è il suo ultimo libro Il lavoro del lettore. Perché leggere ti cambia la vita.