Il Prometeo incatenato di Eschilo 

Giuseppe Girgenti

Il filosofo Giuseppe Girgenti racconta Il Prometeo incatenato di Eschilo, messo in scena per la prima volta nel 460 a. C.
Al mito di Prometeo, narrato anche da Esiodo nella Teogonia e da Platone nel Protagora, Eschilo dedicò una intera trilogia, della quale rimane il Prometeo incatenato. 

Come ogni tragedia greca, il Prometeo incatenato è il dramma della condizione umana, che, soggetta al destino, al giogo della necessità e alla mortalità, è naturalmente alla ricerca di una possibile via d’uscita, rappresentata dal fuoco, che diventa il simbolo della tecnica, necessaria all’uomo per sopravvivere.

L’intera storia umana è un tentativo tecnologico di sottrarsi al destino e il dramma del Prometeo è che questa tecnica è molto più debole della necessità. 

La tecnica è connaturata alla natura umana, che sarebbe inerte senza la capacità tecnica di modificare sé stessa e di dominare la natura circostante. 
Il furto del fuoco non rimane impunito: Prometeo viene incatenato perché il suo atto, mosso da filantropia, agli occhi di Zeus è considerato un atto di Hybris, di arroganza. 

Prometeo diventa il simbolo della ribellione contro il potere tirannico, che però soccombe di fronte alla necessità impersonata da Zeus. 

Le immagini sono tratte dal Prometeo incatenato, diretto da Luca Ronconi, messo in scena nel 2002 al Teatro Greco di Siracusa, con Franco Branciaroli nel ruolo di Prometeo. 

Giuseppe Girgenti (Palermo, 1967) si è formato presso l’Università Cattolica di Milano, ove si è laureato in filosofia nel 1989 sotto la direzione di Giovanni Reale, con una tesi dal titolo Platonismo e Cristianesimo in San Giustino Martire. I suoi studi si sono indirizzati sin da subito alla storia del platonismo pagano e cristiano, in un terreno di confine tra Antichità e Medioevo, tra filosofia e teologia. Nel 1990 ha vinto un dottorato di ricerca in filosofia, che lo ha portato a studiare in Germania, presso la Ludwig-Maximillians Universität di Monaco di Baviera, ove è stato allievo di Werner Beierwaltes (di cui ha tradotto in italiano gli studi su Agostino); poi si è trasferito in Francia, presso il Collège de France di Parigi, ove è stato allievo di Pierre Hadot (di cui ha tradotto in italiano lo studio su Porfirio e Mario Vittorino). Nel 1994 ha conseguito il titolo di dottore di ricerca con una dissertazione dal titolo Porfirio tra henologia e ontologia.
Negli anni 1994-1996, con una borsa di studio post-dottorale, ha lavorato presso il Centro di Ricerche di Metafisica dell’Università Cattolica di Milano, come segretario delle collane “Temi metafisici e problemi del pensiero antico” e “Platonismo e filosofia patristica” dell’editore Vita e Pensiero, e “Testi a fronte” dell’editore Rusconi.
Negli anni 1997-2000 è stato professore a contratto di Storia della Filosofia presso l’Accademia Internazionale di Filosofia nel Principato del Liechtenstein. In questo triennio ha allargato i suoi interessi alla fenomenologia realista, traducendo in italiano opere di Jan Patocka, di Karol Wojtyla, di Adolf Reinach e di Josef Seifert. In parallelo, ha cercato di combinare l’approccio teoretico dei fenomenologi con l’approccio storico-ermeneutico di Hans-Georg Gadamer, che ha frequentato personalmente nell’ultima parte della sua vita (dal 1996 al 2002).
Ha partecipato a numerosi convegni nazionali e internazionali e ha tenuto corsi anche in Sicilia, a Monreale (Palermo) presso il Liceo Classico Basile, e a Siracusa presso l’Istituto Universitario di Studi Universitari. A Siracusa ha organizzato numerosi eventi filosofici a cui hanno preso parte fra gli altri Hans-Georg Gadamer, Gianni Vattimo, Giovanni Reale, Imre Toth, Massimo Cacciari e Hans Küng. È segretario delle collane di filosofia “Il Pensiero occidentale” e “Testi a fronte” dell’editore Bompiani di Milano, nonché membro del comitato scientifico della collana “Studi Bompiani. Filosofia” del medesimo editore. È stato chiamato a insegnare alla Facoltà di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano fin dalla sua fondazione nel 2002.