Gesualdo Bufalino, seduttore di spettri

Lo scrittore e la sua allergia al successo

Condividi

Intervista a Gesualdo Bufalino, definito "collezionista di memorie e seduttore di spettri", riguardo al libro Diceria dell'untore, che vince il Campiello. Renato Minore parla del "caso Bufalino".  Elvira Sellerio parla della pubblicazione di Comiso ieri, il libro attraverso il quale ha scoperto Bufalino insieme a Sciascia. Maria Corti, curatrice dei libri di Bufalino, racconta quanto lui fosse riservato e non amasse la notorietà, che definiva "un autobus affollato".

Avrei esordito felicemente da postumo che è il destino più bello 

Gesualdo Bufalino nasce a Comiso il 15 novembre 1920. Insegnante, si rivela, nel 1981, all'età di 61 anni con il romanzo Diceria dell'untore, grazie all'incoraggiamento di Leonardo Sciascia ed Elvira Sellerio. Con il romanzo Le menzogne della notte vince nel 1988 il Premio Strega. Trascorre la maggior parte della sua vita a Comiso. Muore a Vittoria il 14 giugno 1996.