Goethe a Roma

La casa museo dello scrittore tedesco

Condividi

Il Museo Casa di Goethe a Roma era una pensione nella quale abitò non soltanto Goethe ma numerosi artisti a lui contemporanei. La mostra permanente è dedicata al viaggio in Italia del famoso scrittore e porta il visitatore alla scoperta di lettere, diari, lacerti di architetture, sculture e soprattutto disegni e schizzi. In questa intervista la direttrice del Museo Casa di Goethe, Maria Gazzetti, ci ha parlato non solo del museo e della sua straordinaria ricchezza espositiva, ma anche del grande amore di Goethe per l'Italia.

A Weimar dal suo principe [Goethe] era importante come ministro, quindi faceva una vita assolutamente ufficiale, però aveva una nostalgia, sentiva sempre parlare del mondo classico, dell'italia, della grecia, si occupava anche del mondo classico, scriveva i suoi pezzi di teatro con stoffe di temi classici, però voleva vedere dal vero, con i suoi occhi, che cosa significa guardare una colonna romana, stare davanti ad un tempio romano. Goethe è arrivato il 30 ottobre del 1786, lui era ministro a Weimar, era il grande poeta di successo, il poeta del Werther, e ha chiuso con la sua vita fino a quel momento: non dicendo niente a nessuno è venuto in Italia per realizzare quello che era il suo sogno.

L’attuale Museo Casa di Goethe era all’epoca luogo di ritrovo di un gruppo di  artisti tedeschi che proprio in quelle stanze si radunavano per discorrere di arte, di musica e di letteratura. Una particolare amicizia nata in quell’ambiente fu quella tra Wolfgang Goethe e il pittore Johann Heinrich Wilhelm Tischbein.

Johann Wolfgang von Goethe (Francoforte sul Meno, 1749 – Weimar, 1832), scrittore, poeta e drammaturgo tedesco, è uno degli autori più importanti di tutti i tempi. Fu estremamente prolifico nella sua produzione letteraria ma è celebre principalmente per le opere I dolori del giovane Werther (1774), e il Faust (1831), alla quale lavorò tutta la vita. La sua cultura e competenza nelle più diverse discipline era talmente vasta che ideò il concetto di "Weltiteratur", letteratura mondiale.