Jorge Luis Borges: il mio rapporto con il tempo

A partire da un orologio

Condividi

In questo filmato Borges parla del suo rapporto col tempo: la cecità e l'uso dell'orologio, lo strumento "archetipo" regalatogli dall'amico Bioy Casares. Spiega le possibilità letterarie del soggetto e l'ironia contenuta nel titolo del suo saggio La nuova confutazione del tempo.

Io Borges ho giocato con le possibilità letterarie del tempo.


Jorge Luis Borges nasce il 24 agosto 1899 a Buenos Aires. Di famiglia benestante e colta, Borges impara a parlare prima in inglese e poi in castigliano. Nel periodo in cui si combatte la Prima Guerra Mondiale vive prima in Svizzera, poi in Spagna. Tornato in Argentina, tra il 1924 e il 1927 collabora a Martín Fierro, rivista d'avanguardia che determina il movimento detto "martinfierrista". Borges lavora come bibliotecario e si avvicina alla filosofia idealistica. Conosce A. Bioy Casares e insieme compiono quelle che egli stesso definisce più tardi "svariate imprese letterarie". Inizia a insegnare. A seguito di un incidente comincia a perdere la vista, fino alla cecità. Muore a Ginevra il 14 giugno 1986.