L'Orlando Furioso di Ronconi: Canto VII, Alcina

Dallo sceneggiato Rai del 1975

Condividi

Nel filmato il canto VII dell'Orlando furioso, capolavoro di Ludovico Ariosto, adattato dallo sceneggiato televisivo diretto nel 1975 da Luca Ronconi e sceneggiato da Edoardo Sanguineti. Si narrano le vicende di Ruggero, che dopo essere stato rapito da Atlante viene condotto dall’Ippogrifo sull’isola della maga Alcina, la quale riesce a legarlo a sé con un incantesimo. Egli dimentica la sua amata Bradamante, che intanto lo cerca disperatamente. In aiuto di quest’ultima interviene la maga Melissa, che le rivela dove si trova il suo amato e le promette di liberarlo dall’incantesimo. Giunta nell’isola, Melissa mostra a Ruggiero le vere sembianze di Alcina, che sono quelle di un’orribile vecchia, e gli consegna l’anello magico, che rende invisibili, e, grazie al quale, egli riuscirà a fuggire.

Orlando furioso - Proemio

Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori,
le cortesie, l’audaci imprese io canto,
che furo al tempo che passaro i Mori
d’Africa il mare, e in Francia nocquer tanto,
seguendo l’ire e i giovenil furori
d’Agramante lor re, che si diè vanto
di vendicar la morte di Troiano
sopra re Carlo imperator romano.

Ludovico Ariosto (Reggio nell'Emilia 1474 - Ferrara 1533), poeta e commediografo, è famoso soprattutto per il suo capolavoro l'Orlando furioso, poema cavalleresco assolutamente rivoluzionario per la sua epoca. Dopo aver tentato lo studio della giurisprudenza con scarsi risultati Ariosto ottenne finalmente dal padre di potersi dedicare alla letteratura, e tra il 1945 e il 1500 inizia a comporre poesie. Nel 1500 muore il padre e lo scrittore, in qualità di promogenito, si occupa di dell'eredità e di sorelle e fratelli (in tutto nove), trovandosi così costretto a mettere da parte l'attività letteraria, che riprende nel 1505, anno in cui comincia la stesura dell'Orlando furioso, di cui pubblicherà la prima edizione nel 1516, cui seguiranno una nuove edizione nel 1521 e un'ultima nel 1532.