Luigi Pirandello: All'uscita

Un atto unico del drammaturgo siciliano

Condividi

La messa in scena televisiva di All`uscita, atto unico che Luigi Pirandello scrisse nel 1916. L`opera, pensata inizialmente come novella, fu messa in scena per la prima volta nel 1922 al Teatro Argentina di Roma dalla Compagnia Lamberto Picasso.  La riflessione  sulla morte, l'altra faccia di quella sulla vita, che occupa molto spazio nell’opera teatrale  e saggistica di Pirandello, si traduce qui in una situazione davvero particolare. Il drammaturgo siciliano immagina l’incontro, all’uscita di un cimitero, di alcuni morti che, lasciato nella tomba il loro ormai inutile corpo, prima di scomparire per sempre, ancora per un po’ restano nell’apparenza che ebbero. A tenerli legati in qualche modo alla vita, e qui Pirandello pensa probabilmente alle teorie teosofiche, è un desiderio, la ricerca di una risposta.
 

Questa versione è del 1971. I protagonisti sono un filosofo, un uomo grasso, una donna uccisa che  raccontano delle loro vite passate e riflettono sulla morte. Tra gli interpreti della versione televisiva Renzo Palmer e Adriana Asti.

Luigi Pirandello, nato a Girgenti in Sicilia il 28 giugno 1867, è stato uno degli scrittori e drammaturghi più importanti della letteratura e del teatro italiani e non solo, insignito del prestigioso Premio Nobel per la Letteratura nel 1934 con la seguente motivazione: "Per il suo ardito e ingegnoso rinnovamento dell'arte drammatica e teatrale". Pirandello raggiunge il successo nel 1904 con il romanzo Il fu Mattia Pascal e continua a scrivere narrativa tra romanzi e novelle fino agli anni Venti in cui si dedica completamente al teatro, fondando la Compagnia del teatro d’arte. Tra le sue opere più note: Uno, nessuno, centomila (1926), Il berretto a sonagli, Così è (se vi pare) (1925), Sei personaggi in cerca d’autore (1921). I temi della disgregazione dell’Io, della perdita identitaria, del contrasto fra Vita e Forma sono il tratto caratteristico della sua poetica e della sua drammaturgia. Muore a Roma il 10 dicembre del 1936.