Marcello Fois: Anna Karenina e Madame Bovary

Confronto tra due figure letterarie emblematiche

Condividi

Lo scrittore Marcello Fois paragona i personaggi di Anna Karenina e Madame Bovary: sono due donne che non amano la propria condizione, che ambiscono a un cambiamento, che cercano l'amore. Entrambe tradiscono, entrambe si uccidono. Tecnicamente si somigliano ma sono completamente diverse.

Anna Karenina disattende alla perfezione: è assolutamente perfetta, ha un marito perfetto, ha un figlio perfetto, vive in una casa perfetta, appartiene a una casta perfetta, è bellissima, elegante, ricca, ha tutto. Però disattende al suo codice, si immerge in una situazione che poi la porterà sotto un treno. Madame Bovary è stupida da subito, è una scioccherella, ma una scioccherella imponente, che come tutti i personaggi apparentemente scioccherelli diventano poi potentissimi nella storia della letteratura - Marcello Fois


Lev Nikolaevic Tolstoj nasce il 9 settembre del 1928. Scrittore e drammaturgo russo, è uno degli scrittori più importanti della letteratura di tutti i tempi, autore di capolavori immortali come Guerra e pace (1865-1869) e Anna Karenina (1877). Saggista in campo politico, filosofico e critico, tutta la sua opera è ispirata a una volontà di profondo rinnovamento morale della società russa. Dopo la pubblicazione di Resurrezione, Tolstoj viene scomunicato dalla chiesa ortodossa e preso continuamente di mira dalla censura zarista. Tolstoj è stato inolte un prolifico autore di racconti e di saggi, e ha scritto anche alcune drammaturgie teatrali. Tra le altre sue opere più celebri ricordiamo inoltre La morte di Ivan Il'ič (1886),  Muore il 7 novembre 1910.

Il 12 dicembre 1821 nasce lo scrittore francese Gustave Flaubert. Uno dei suoi romanzi più celebri è L’educazione sentimentale, scritto in gioventù e poi riscritto in vecchiaia. Ma è Madame Bovary, scritto tra il 1851 e il 1856, il romanzo che più di tutti è considerato il suo capolavoro e segna una svolta nella letteratura europea. I contenuti dell'opera scandalizzano i benpensanti. Nel 1857, un anno dopo la pubblicazione, Madame Bovary viene messo all'indice e Flaubert accusato di oltraggio alla morale e alla religione, accusa da cui viene assolto perché i giudici non ritengono dimostrabile l'intenzione dell'autore di offendere la morale. Tra le sue opere ricordiamo inoltre: La tentazione di Sant'Antonio (1849, ripubblicato nel 1874), Salammbô (1862), Tre racconti (1877) e Bouvard et Pécuchet (incompiuto e pubblicato postumo nel 1881). Muore a Croisset l’8 maggio 1880.