Viaggio al centro della Terra di Verne secondo Bjorn Larsson

Il libro dell'adolescenza

Condividi

Viaggio al centro della Terra di Jules Verne, apparso in versione originale nel 1864 e dieci anni dopo tradotto in italiano, viene considerato un romanzo precursore della fantascienza. Racconta l’impresa compiuta da un professore di mineralogia e di suo nipote che, alla ricerca del centro della Terra, partono da un vulcano islandese e riemergono a Stromboli. Lo scrittore svedese Björn Larsson, divenuto famoso per La vera storia del pirata John Long Silver, considera Viaggio al centro della Terra il libro che, letto in giovane età, lo ha maggiormente influenzato.

Un giorno di maggio 1863, mio zio, il professor Lidenbrock, rientrò precipitosamente nella nostra piccola casa al n. 19 della Königstrasse, una vecchia strada della vecchia Amburgo. La brava Marta, che aveva appena cominciato a preparare il pranzo, dovette credersi molto in ritardo.
Viaggio al centro della Terra, traduzione di Carlo Fruttero e Franco Lucentini, Einaudi, 1989

Jules Verne nasce a Nantes l'8 febbraio 1828. A vent'anni si trasferisce a Parigi per studiare legge. Frequenta soprattutto la casa di Dumas padre, dal quale viene incoraggiato nei suoi primi tentativi letterari. Intraprende la carriera teatrale, scrivendo commedie e libretti d'opera; ma lo scarso successo lo costringe nel 1856 a cercare un'occupazione presso un agente di cambio a Parigi. Un anno dopo sposa Honorine Morel. Nel frattempo entra in contatto con l'editore Hetzel di Parigi e, nel 1863, pubblica il romanzo Cinque settimane in pallone, che ha molto successo. Lasciato l'impiego, si dedica alla letteratura e un anno dopo l'altro - in base a un contratto stipulato con l'editore Hetzel – pubblica i romanzi che compongono la collana dei Viaggi straordinari. Viaggio al centro della Terra, Dalla Terra alla Luna, Ventimila leghe sotto i mari, L'isola misteriosa, Il giro del mondo in 80 giorni, Michele Strogoff sono alcuni fra i suoi libri più famosi. La sua opera completa comprende un'ottantina di romanzi o racconti lunghi, e numerose altre opere di divulgazione storica e scientifica. Nel 1872 si stabilisce ad Amiens, dove continua il suo lavoro di scrittore, fino a poco prima della morte, il 24 marzo 1905.