Ingunn Thon, Olla scappa di casa

Una bambina e i cambiamenti in famiglia

Condividi

La scrittrice norvegese Ingunn Thon in Olla scappa di casa (tradotto da Alice Tonzig per Feltrinelli) offre un ritratto della sofferenza di Olla, una vivace e inventiva ragazzina di dieci anni di fronte ad Einar, l’uomo di cui sua madre è innamorata e con cui ha fatto un figlio. Olla non ha padre, sa solo che si chiama Bjørn, e alla sua migliore amica Grego parla di fantomatiche vacanze che passa con lui. Einar incombe in casa con il suo modo affettato di parlare, di preparare il cibo, di preoccuparsi di tutto e la notizia che sposerà la madre di Olla devasta la protagonista al punto da spingerla alla fuga. Nel frattempo Olla e Grego hanno trovato nel bosco una strana cassetta per le lettere e un’ancora più strana signora che vive isolata da tutto e colleziona le missive non arrivate ai destinatari. Tra queste ci sono un mucchio di cartoline di Bjørn rivolte alla figlia; studiandole, Olla arriva a identificare il luogo da cui sono partite, Hamna, un villaggio a pochi chilometri da casa sua: è lì che si dirige nel momento in cui decide di rompere con la madre e perde il supporto di Grego che ha scoperto le sue bugie. Il momento clou della narrazione è la fuga notturna di Olla, costruita con crescendo di drammaticità.

Olla si lascia cadere a terra come un sacco di farina. Si copre il viso con le braccia. Vuole dormire, per il resto della vita. Dormire fino a quando sarà diventata adulta e non avrà più paura, e non avrà più bisogno di nessuno, e saprà cosa fare. È del tutto sfinita.

Thon si cala nei panni della sua eroina, ne mette in luce i sentimenti eccessivi, l’imprudenza, gli slanci. Non ha nessun sussiego da scrittrice per ragazzi, nessuna pretesa di insegnare qualcosa e questo rende il suo romanzo ancora più prezioso per il lettore adolescente (e per un genitore in cerca di una bussola di fronte ai misteri della mente dei figli).

Ingun Thon è nata nel 1986, diplomata in Scrittura creativa e giornalismo, lavora come sceneggiatrice e burattinaia per la cooperativa Norwegian Broadcasting. Ha lavorato anche per la televisione e la radio, in programmi dedicati ai bambini. Olla scappa di casa è il suo primo romanzo.