Daniele Aristarco, Lettere a una dodicenne sul fascismo di ieri e di oggi

Ascesa e caduta del fascismo raccontate ai ragazzi

Condividi

Prendendo spunto dalla visita fatta in una scuola e dalla scritta Dux incisa con un coltellino su un banco, Daniele Aristarco, in Lettere a una dodicenne sul fascismo di ieri e di oggi (Einaudi ragazzi), ricostruisce in modo molto chiaro cosa è stato il fascismo in Italia, come si è affermato, come si è consolidato, a quali conseguenze ha portato. Aristarco delinea un profilo biografico di Benito Mussolini, parla dei suoi principi, della sua strategia per ottenere il consenso, della sua lotta feroce agli oppositori, rievocando le figure di Giacomo Matteotti, Antonio Gramsci e anche di Giordano Cavestro, fucilato a diciotto anni perché aveva creato un bollettino antifascista. Esistono antidoti al fascismo di ritorno? L’autore ne cita quattro alla portata di tutti: leggere, informarsi, studiare e viaggiare. Con questo libro Einaudi ragazzi inaugura una nuova collana Presenti passati.

Mussolini sognava un popolo di soldati, persone abituate a eseguire ordini senza eccepire. In questo modo molti contribuirono direttamente alle persecuzioni e all'uso della violenza, senza sentirsi "responsabili" dei propri atti. In fondo eseguivano semplicemente degli ordini! La maggior parte degli italiani, però, si limitò ad avallare quelle scelte, o a non esprimere la propria opinione. Ed è forse questa l'eredità più pericolosa della mentalità fascista perché come disse Primo Levi, "il fascismo aveva funzionato soprattutto come anestetico, cioè privandoci della sensibilità." A furia di smettere di pensare e di sentire, se ne diventa incapaci. 

Daniele Aristarco è nato a Napoli nel 1977. È autore di racconti e saggi divulgativi rivolti ai ragazzi, pubblicati sia in Italia che in Francia. Ha insegnato lettere nella scuola media e ora si dedica ai libri per ragazzi e alla scrittura per il cinema e la radio. Con Einaudi Ragazzi ha pubblicato tra gli altri Shakespeare in shortsCosì è Pirandello (se vi pare), Io dico no! Storie di eroica disobbedienza, Io dico sì! Storie di sfide e di futuroFake – Non è vero ma ci credo.