Elena Stancanelli, Venne alla spiaggia un assassino

Quello che succede nel Mediterraneo

Condividi

Aderendo all’appello di Sandro Veronesi per una mobilitazione di fronte alle stragi nel mar Mediterraneo, Elena Stancanelli partecipa a una delle missioni di salvataggio dei migranti al largo della Libia. Da questa esperienza nasce il libro, Venne alla spiaggia un assassino, pubblicato da La Nave di Teseo: il racconto di un viaggio in mare insieme ai volontari delle Ong, l’analisi della situazione in atto, un’interrogazione sul proprio ruolo di intellettuale. Stancanelli ricostruisce i fatti, parla con i protagonisti delle spedizioni volte a recuperare naufraghi, ne ricostruisce la vita quotidiana. Provare a capire cosa sta succedendo è il primo passo per una presa di posizione a favore della vita.

Quando ho deciso di partire, di imbarcarmi per testimoniare di questi uomini e queste donne, volontari, studenti, professionisti, persone che regalano il proprio tempo e la propria energia a soccorrere sconosciuti, pensavo soltanto a questo: al confine. La differenza tra la vita e la morte. L’unica vera frontiera.

Elena Stancanelli è nata a Firenze nel 1965. Ha scritto romanzi e racconti, tra questi Benzina (1998; Premio Giuseppe Berto), Firenze da piccola (2006), A immaginare una vita ce ne vuole un’altra (2007), Mamma o non Mamma (2009, con Carola Susani) e Un uomo giusto (2011). Presso La nave di Teseo ha pubblicato La femmina nuda (2006, finalista al Premio Strega). Collabora con La Repubblica e con D.