Matt Haig, Vita su un pianeta nervoso

Come restare umani nell'era digitale

Condividi

In Vita su un pianeta nervoso, tradotto in italiano da Silvia Castoldi per e/o, Matt Haig affronta il tema delle trasformazioni che l’era digitale ha comportato nelle nostre vite. Muovendosi tra autobiografia e considerazioni di carattere generale, Haig analizza lo stress che deriva dall’essere sempre connessi per il bombardamento di informazioni a cui siamo soggetti e per l’alto tasso di litigiosità che si riscontra sul web. La domanda fondamentale del libro è come restare umani in un mondo che cambia e le risposte che dà l’autore sono molteplici, ma in fondo quello che dovremmo fare è staccarci ogni tanto da Internet. Osserva Haig che “il mondo diventa sempre più piccolo”: le persone che seguiamo sui social network la pensano come noi e invece di espandere i nostri orizzonti questi mezzi ci inducono a chiuderci in piccoli villaggi virtuali. Anche il nostro sonno è minacciato dal web: Haig riporta la dichiarazione dell’amministratore delegato di Netflix secondo cui il maggior concorrente della loro programmazione è il bisogno di dormire. Ecco un promemoria per salvarsi dallo stress da iperconessione da Vita su un pianeta nervoso:

Stai calmo. Vai avanti. Resta umano. Continua a provarci. Continua a desiderare. Continua a perfezionarti. Continua a guardare fuori dalla finestra. Continua a concentrarti. Resta libero. Ignora i troll. Ignora le notifiche pop-up e i pensieri pop-up. Continua  a rischiare il ridicolo. Resta curioso. Aggrappati alla verità. Continua ad amare. Continua a concederti il privilegio umano di commettere errori. Mantieni uno spazio che sia solo tuo e proteggilo con una staccionata.

Matt Haig è nato a Sheffield nel 1975. Ha pubblicato in Italia con Einaudi, Ponte alle Grazie e Salani. Come fermare il tempo, pubblicato nel 2018 dalle Edizioni e/o, è il suo ultimo romanzo.