Andrea Camilleri: tutto su Simenon

Di Michele Calvano

Condividi

In questo straordinario video, curato da Michele Calvano, Andrea Camilleri si sofferma su quello che considera uno dei suoi maestri letterari, Georges Simenon. Per Camilleri, Simenon è “un uomo nato per scrivere”, “una macchina per scrivere in fattezze umane”, “l’inventore del romanzo poliziesco all’europea”. Nel suo racconto emergono molti aspetti curiosi dello scrittore: da giovane tiene su un giornale una rubrica molto seguita sui cani infelici; l’editore gli costruisce una stanza di vetro per esibire in pubblico la velocità con cui scrive; con il suo grande amico Federico Fellini si vanta di aver avuto migliaia di donne; durante la sua trasferta americana scrive un bel romanzo western. Sono tra 450 e 460 i romanzi firmati da Simenon (a cui si aggiungono tutti quelli usciti sotto vari pseudonimi); 500 milioni le copie dei suoi libri vendute in tutto il mondo. Camilleri analizza la “sublime semplicità” della scrittura di Simenon, il suo stile piano e la sua capacità di rendere la complessità dell’animo umano. Si sofferma in particolare su Maigret e racconta di essere andato a trovare il suo autore, in qualità di delegato Rai quando stavano allestendo la serie televisiva su questo personaggio. Simenon era d’accordo con la scelta di Gino Cervi come protagonista ma era in dubbio sull’attrice scelta per interpretare sua moglie, Andreina Pagnani, che gli sembrava troppo bella: per lui Maigret non avrebbe sposato una donna così avvenente, non era da lui. Chiude il video la rassegna fatta da Camilleri dei romanzi romanzi di Simenon, dei romanzi brevi e dei racconti, con la segnalazione delle proprie preferenze in merito a una produzione letteraria smisurata. Tre gli inserti a corredo delle parole di Camilleri: il romanzo poliziesco, la Parigi di Simenon, Maigret e la buona cucina.