Laura Pugno, L'alea

Sentirsi parte del mondo

Condividi

La raccolta poetica L'alea di Laura Pugno (Giulio Perrone) è un libro insieme nuovo e vecchio: al suo interno ospita anche i versi de La mente paesaggio usciti dallo stesso editore nel 2010. Nell'Alea la vicenda personale si scioglie nel rapporto con il mondo. Il tema della trasformazione, da sempre caro all'autrice, dà il via a una dimensione di appartenenza all'ambiente naturale e a una rete di relazioni umane. Vi proponiamo qui la parte iniziale della poesia "ora ultima", cuore del libro:


hai qui fra noi: chiave
lasciapassare,

entra, dov'è vuoto,
dov'è stato

quello che è stanato è tra le stoppie,
o nella densità del sole

alchìmia, alchìmia,
morgana apparsa,
acqua non data

si scioglie, foglie nel vento
non le tiene
né ferme né in movimento, in un istante

ora è sulla finestra,
è aperto
al sole,

la siccità, il vento, assenza d'acqua
preparano l'incendio

resti solo tu come forma del fiume,
dello scorrere-andare
non è mosso, non muove  

Laura Pugno è nata a Roma nel 1970. È autrice di romanzi, poesia, saggi e testi teatrali. Dal 2015 dirige l'Istituto Italiano di Cultura di Madrid. Ha insegnato Traduzione all'Università La Sapienza e tradotto una decina di romanzi e saggi dall’inglese e dal francese. Collabora con “L’Espresso” ed “Elle”, e con il sito “Le parole e le cose 2”. Ha collaborato con le redazioni cultura di Repubblica Roma, il manifesto e con Rai Educational per il progetto RaiLibro. Ha creato, insieme ad Annamaria Granatello, il Premio Solinas Italia-Spagna per il miglior soggetto cinematografico per l’Istituto Italiano di Cultura di Madrid. Inoltre, ha ideato il Festival diffuso di poesia e scrittura I quattro elementi e il ciclo “E3 + - Encuentros Editores Escritores”, con il Forum del Libro Italia Spagna. Cura, insieme ad Andrea Cortellessa e Maria Grazia Calandrone, la collana di poesia I domani per l'editore Nino Aragno. Ha pubblicato sei romanzi: La metà di bosco (Marsilio 2017), La ragazza selvaggia (Marsilio 2016), La caccia (Ponte alle Grazie 2012), Antartide (Minimum Fax 2011), Quando verrai (Minimum fax) 2009, Sirene (Einaudi), una raccolta di racconti: Sleepwalking (Sironi 2002), sei raccolte poetiche: I legni (Pordenonelegge/Lietocolle 2018),  Bianco (Nottetempo 2016), Nácar (Huerga & Fierro 2016), La mente paesaggio (Perrone 2010), Il colore oro (Le Lettere 2007, con foto di Elio Mazzacane), Tennis (Nuova Editrice Magenta, con Giulio Mozzi, 2002). Inoltre, ha pubblicato: il saggio In territorio selvaggio. Corpo, romanzo, comunità (Nottetempo, 2018) e i testi teatrali di DNAct (Zona 2008).