Francesco Palmieri, L'incantevole sirena

Napoli misteriosa, magica, feroce

Condividi

Francesco Palmieri nell’Incantevole sirena, Napoli misteriosa, magica, feroce (Giunti) s’inoltra nei misteri napoletani, nell’atmosfera onirica della città. Percorrendo le sue strade, entrando nei suoi palazzi, Palmieri ricostruisce le leggende di Napoli, tra cui il mito della sirena, la tradizione del munaciello, la storia delle fate lavandaie, le figure delle janare, il culto del sangue di San Gennaro. Racconta la storia del Cristo velato; ricorda i poteri occulti attribuiti al poeta Virgilio; parla di sedute spiritiche; rileva gli influssi spagnoli; rievoca figure chiave come quella di Totò, Caruso, Tommaso Campanella, Cagliostro. Un’immersione in un luogo dal fascino inesauribile e nei libri che su questo fascino si sono soffermati.

Paganesimo e cristianesimo convivono a Napoli fra terra e cielo, sacro e profano, tra la luce e il buio però sempre all’insegna di una Vergine.
Che si chiami Partenope o Patrizia. Che sia Virgilio o una Madonna nera che si mostra col Bambino, come Iside con Horus nei tempi remoti.  

 
Francesco Palrmieri è nato a Napoli nel 1962. Giornalista, lavora a Roma in un’agenzia di stampa. È autore di Sole, Luna e Talia. Magia e misteri a Napoli (Società editrice napoletana, 1984), Vite pericolose. Uomini e fantasmi delle arti marziali (Edizioni Settimo Sigillo, 2009), Il libro napoletano dei morti (Mondadori, 2012), La camorrista (Mondadori ebook, 2013), Le due porte (Ad est dell’equatore, 2015), Piccolo Drago. La vita di Bruce Lee (Mondadori, 2017). È maestro di Kung Fu e mandolinista.