"Un viaggio chiamato amore" di Sibilla Aleramo

    Lettura di Alessio Vassallo

    Condividi

    L'attore Alessio Vassallo legge una lettera di Dino Campana a Sibilla Aleramo dell’ottobre del 1916, dal libro Un viaggio chiamato amore di Sibilla Aleramo, pubblicato postumo nel 2000. Dalla seconda puntata del programma L’altro ‘900 (edizione 2019) dedicata alla grande poetessa. Una passione travolgente e turbolenta è quella che lega i due scrittori tra il 1916 e il 1918 mentre infuria la prima guerra mondiale. E da queste poche righe è già evidente l’amore e al tempo stesso i ripensamenti del giovane Campana.

    Rina Rina Sibilla Aleramo Rina che amo Sibilla mia sì ridi cara, ridi così io sarò felice e potrò morire.


    Dino Campana nasce a Marradi, in provincia di Firenze nel 1885. Tra le voci più significative della poesia del ‘900, è autore dei Canti orfici.  Di questa raccolta viene smarrito il manoscritto consegnato a Papini e Soffici e l’autore è costretto a ricostruire i testi a memoria. Una prima edizione viene stampata a spese di Campana da un tipografo di Marradi nel 1914. Personalità travagliata, chiude i suoi giorni nel 1932 nel manicomio di Castel Pulci dove era stato ricoverato del 1918. Il carteggio con la scrittrice Sibilla Aleramo, con cui stringe una tormentata relazione, è pubblicato in Un viaggio chiamato amore.


    Sibilla Aleramo, pseudonimo di Marta Felicina Faccio detta Rina, nasce ad Alessandria il 14 agosto del 1876. Dopo un’adolescenza travagliata, segnata dalla terribile depressione della madre, si sposa con un impiegato della azienda industriale del padre dal quale avrà un figlio. Il suo impegno femminista non si limita unicamente alla scrittura ma si concretizza in battaglie attive per l’emancipazione delle donne. I difficili rapporti familiari la portano ad abbandonare marito e figlio e a trasferirsi a Roma nel febbraio del 1902. La sua figura è anche nota per le tormentate relazioni con molti personaggi dell’epoca, primo fra tutti il poeta Dino Campana. Si spegne a Roma il 13 gennaio 1960. Le sue carte sono custodite per lascito  presso  la Fondazione Gramsci in Roma. Tra le opere più importanti si ricordano: Una donna (1906); Il passaggio (1919); Andando e stando (1921);  Amo dunque sono (1927) ; Diario di una donna. Inediti 1945-1960 (pubblicato postumo nel 1975).

     
    L’altro ‘900 è il programma di letteratura di Rai Cultura diretta da Silvia Calandrelli firmato da Isabella Donfrancesco e da Alessandra Urbani per la regia di Laura Vitali e Diego Magini, con le letture di Alessio Vassallo, in onda ogni lunedì in prima serata su Rai 5 dal 25 novembre 2019.