ZUZU, Cheese

Il disagio del corpo in un fumetto autobiografico

Condividi

Cheese, pubblicato da Coconino Press è il primo graphic novel di ZUZU e nasce come tesi di laurea dell’autrice all’Istituto Europeo di Design. Racconto autobiografico e di formazione, il fumetto mette in scena la storia di un trio, la stessa ZUZU accompagnata da Dario e Riccardo. Rapporti di amicizia nell’età post adolescenziale che formano un ecosistema chiuso, un rifugio da cui  guardare e sfidare i demoni interiori per avanzare verso l’età adulta. In particolare, l’autrice si concentra nell’osservazione del corpo femminile e nel cercare di restituire, attraverso l’asciuttezza delle parole e la scelta del disegno in bianco e nero, l’esperienza dei disagi alimentari che hanno segnato la sua crescita.

Questo libro penso parli a tutte le età perché non descrive l’adolescenza ma descrive un momento della vita di tutti, che spesso arriva nell’adolescenza ma può arrivare prima o dopo, che è quel momento in cui decidiamo di lanciarci da una collina a velocità impressionate per afferrare qualcosa che non ha senso, come una forma di formaggio imprecisata. Però la vita è così e quel momento arriva per tutti  e ci unisce.

ZUZU è lo pseudonimo di Giulia Spagnulo (Salerno, 1996), illustratrice di quotidiani e riviste. L’autrice nel 2018 ha partecipato al progetto “Fumetti nei Musei” promosso dal MiBACT e da Coconino Press con la storia Super Amedeo per il Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Con Cheese nel 2018 ha ottenuto il  riconoscimento per la categoria Romanzo a Fumetti del 47º Premio di Satira politica di Forte dei Marmi e nel 2019 ha vinto il Premio Cecchetto come Autore Rivelazione al Treviso Comic Book Festival e il  Premio Gran Guinigi del Lucca Comics & Games al Miglior Esordiente.

RAI Cultura ha incontrato l'autrice in occasione del Festival Lucca Comics, 2019