Torna a speciale 200infinito

Maria Gabriella Mansi, l'autografo dell'Infinito

Le carte di Leopardi alla Biblioteca Nazionale di Napoli

Condividi

Giacomo Leopardì morì a Napoli nel 1837 e dal 1907, dopo varie traversie, molte delle sue carte autografe sono approdate alla Biblioteca Nazionale di questa città. Maria Gabriella Mansi, Responsabile della Sezione Manoscritti della Biblioteca Vittorio Emanuele III di Napoli, ci parla dell'autografo dell'Infinito leopardiano, conservato nella versione più antica in un quaderno di dieci carte.

L'Infinito è stato fografato in 3D; inserite le immagini nel computer è stato possibile ricostruire che sull'Infinito che noi abbiamo Leopardi è intervenuto tre volte.


Si ringraziano il Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo di Napoli e la Biblioteca Nazionale di Napoli.