Torna a speciale scrivere un classico nel novecento

    Il fu Mattia Pascal di Luigi Pirandello

    Con Daniele Aristarco e Annamaria Andreoli

    Condividi

    Nel 1904 esce a puntate sulla rivista Nuova Antologia Il fu Mattia Pascal di Luigi Pirandello, un romanzo così in anticipo sui tempi da sconcertare la critica (celebri le stroncature da parte di Benedetto Croce e Renato Serra). Il libro nasce da una cattiva notizia: nel 1903 Pirandello apprende che la solfara di Agrigento di proprietà della sua famiglia si è allagata. La rovina economica e il conseguente crollo nervoso di sua moglie, Maria Antonietta Portulano, lo spingono a mettersi all’opera per guadagnare con la scrittura: nelle notti di veglia accanto all’inferma, Pirandello scrive Il fu Mattia Pascal. Il sogno di un uomo di sottrarsi a una pesante situazione familiare, scappando altrove con un nome diverso si scontra contro la realtà: nessuno sfugge a sé stesso. Daniele Aristarco rievoca le circostanze di pubblicazione del libro, ne ricorda il contenuto, ne sottolinea la forza narrativa. Annamaria Andreoli, presidente dell’Istituto di Studi pirandelliani -  Studio di Luigi Pirandello, ci parla della fortuna dell’opera, il cui potenziale artistico fu scoperto pienamente solo dopo la prima guerra mondiale.

    Il fu Mattia Pascal è un romanzo che parla molto ai ragazzi. Oltre a essere estremamente godibile tratta un tema vicino a loro che è quello delle maschere, della chiusura in stereotipi, in linguaggi troppo stretti.  Il fu Mattia Pascal ci consente di vedere queste maschere che vengono costruite sui nostri volti.  

    Daniele Aristarco è nato a Napoli nel 1977. È autore di racconti e saggi divulgativi rivolti ai ragazzi, pubblicati sia in Italia che in Francia. Ha insegnato lettere nella scuola media e ora si dedica ai libri per ragazzi e alla scrittura per il cinema e la radio.  Per Einaudi ragazzi ha pubblicato Shakespeare in shorts – Dieci storie di William Shakespeare, Io dico no! – Storie di eroica disobbedienza,  Così è Pirandello (se vi pare) – I personaggi e le storie di Luigi Pirandello, Cose dell’altro secolo, Lucy, la prima donna, La nascita dell’uomo, Decameron, Fake – Non è vero ma ci credo, La diga del Vajont, Io dico sì! Storie di sfide e di futuro, Nikola Tesla, l’inventore del futuro, Lettere a una dodicenne sul fascismo di ieri e di oggi, Io vengo da – Corale di voci straniere e Non è mica una tragedia! Le grandi storie e i personaggi del Teatro greco.
     
    Annamaria Andreoli è nata a Mantova e vive a Roma. Ha Insegnato Letteratura italiana nelle Università di Bologna e della Basilicata. È stata presidente della Fondazione Il Vittoriale degli Italiani (19997-2008) e ora è presidente dell’Istituto di Studi Pirandelliani. È curatrice delle opere di D'Annunzio nei Meridiani Mondadori. Attualmente sta curando l'opera di Luigi Pirandello e sono di recente usciti, nella collana Oscar Mondadori: Sei personaggi in cerca d'autore, Enrico IV e Diana e la Tuda.

    Si ringrazia lo Studio di Luigi Pirandello di Roma per aver ospitato le riprese della puntata.